javascriptNotEnabled
Home \ Community \ Blog \

team-it blog

team-it blog
Invia PM
/Giu/2010

Gamar82: Vita da grinder

Da: team-it @ 16:11 (CEST) / 66 / Commento ( 0 )

Da maggio é iniziata una nuova rubrica su “thePlayer – Poker Magazine” dedicata al mondo dei grinders.it, dove cercherò prima di tutto di farvi comprendere intervistando tanti giocatori grinders, cosa significa "vivere di poker".   Il grinders.it che oggi mi aiuterà farvi comprendere meglio questo universo è Marco Gabrielli, giovane supernova su pokerstars.it.   1)Reda: Ciao Marco, grazie per aver accettato il mio invito su “thePlayer – Poker Magazine” per questa prima puntata di Grinders.it "Vivere di poker"   Gamar82: Ciao Reda, grazie a te per avermi invitato, un saluto a tutti i lettori di “thePlayer – Poker Magazine”
   Marco 'Gamar82' Gabrielli
  2)Reda: Marco, spiega a noi poveri mortali cosa vuol dire essere un grinders e il significato della parola stessa.   Gamar82: Iniziamo prima con lo specificare cosa significa la parola grinder. Tale termine deriva dalla parola inglese Grind ovvero macinare, polverizzare, comprendiamo quindi fin da subito che con questo attributo intendiamo parlare di coloro che in un modo o nell'altro riescono a macinare, appunto, mole di denaro derivati dalle partite online. Analizzando meglio la cosa possiamo dividere il Grinder in due rami ben distinti, ovvero il Rakeback Pro e il Profit Pro. Perché queste due distinzioni?
Semplice, perché ci sono persone che preferiscono massare tantissime partite a discapito della qualità del gioco, perché ambiscono ad aumentare i propri introiti proprio con la rakeback che generano tramite la room per cui giocano, mentre ci sono altri giocatori che preferiscono fare profit diretto puntando solo alla qualità del gioco.
Un esempio lampante possiamo averlo con un giocatore che gioca tanti Sit Turbo al giorno, proprio per produrre più Rake a differenza di un altro giocatore che gioca Sit Normal puntando più al ROI e quindi al profitto. In entrambi i casi possiamo parlare di grinder ed è cosa molto rara trovare dei grinder che riescano a mantenere un ROI alto su un campione di migliaia di Sit giocati. Un grinder o regular di un livello, lo troviamo mediamente tutti i giorni ai livelli in cui gioca come se fosse un vero e proprio "lavoro".   3) Reda: Dopo questa bella e completa spiegazione su cosa sia un grinder, passiamo invece a conoscere un po più da vicino Marco. Presentati ai tanti appassionati di poker che leggono la rivista e che magari sono stati incuriositi da questa nostra rubrica dedicata al mondo dei Grinders.it.   Gamar82: Mi chiamo Marco Gabrielli ed ho 27 anni ma sono praticamente conosciuto da chi frequenta il mondo del poker online come" Gamar82", sono un grinder Supernova di PokerStars.it, collaboro con il portale PokerItaliaWeb e mi trovate nella sezione didattica dei Sit&Go. Sono quasi 3 anni che gioco a poker, cosa che inizialmente come tutti avevo preso solo ed esclusivamente come un passatempo, ma piano piano è diventato la mia prima fonte di guadagno, ecco perché lo reputo il mio attuale "lavoro".   4) Reda: Marco sicuramente prima di diventare un grinders avrai svolto altri lavori. Qual'è quello che più ti ricordi comeil più faticoso, e quello che invece ti manca di più?   Gamar82: Non appena ho finito le scuole superiori ho subito iniziato a lavorare, ma già nei precedenti 3 anni al conseguimento del diploma lavoravo il pomeriggio per una ditta di prefabbricati. Di lavori ne ho fatti diversi, in linea di massima ho fatto per circa 5 anni l'impiegato d'ufficio svolgendo diverse mansioni ma ho pure fatto lavori manuali appunto di cui alcuni molto faticosi. Il lavoro che mi manca un pò? Si uno in particolare dove mi sono trovato benissimo come ambiente di lavoro non tanto per lo stipendio ma più che altro per i valori umani che avevo trovato in quell'azienda; per il resto dire che mi manca il lavoro ma più che altro dire che mi manca la "routine" di un lavoratore sarebbe dire una cosa assurda!   5) Reda: Cosa ti ha "tolto e cosa ti ha "dato" il poker sia a livello umano che a livello economico?   Gamar82: Be sarò un po troppo diretto, anche perché non potrei spiegare nei minimi dettagli la mia vita, ma il poker mi ha dato e mi sta dando tutto quello che prima non potevo avere, per molti sarà una cosa assurda ma per me avere anche una vita economicamente stabile e normale è già un traguardo enorme. A livello prettamente umano mi ha dato l'opportunità di conoscere tantissime persone, con molte di queste sono diventato amico con altre ho avuto magari modo di migliorare il mio livello di gioco e di pensiero perchè è ovvio e scontato che non si finisce mai e ripeto mai di imparare da gli altri e da chi ci circonda, non bisogna mai sentirsi arrivati ma proseguire cercando di capire in tutti gli aspetti questo gioco e soprattutto migliorare il proprio Mindset.   6) Reda: Entriamo ora un pò più sul tecnico e cerchiamo di far capire ai nostri lettori la vita di un grinders, quante ore giochi, a che livello e tutto ciò che hai da dire.   Gamar82: Partiamo col dire che non esiste un grinder che si possa definire tale solo perché gioca ad un certo livello. Conosco persone (cosa che tra l'altro in alcuni varianti sto inziando a fare pure io) che grindano tantissimo i micro livelli ma che a fine mese portano lo stesso "a casa" cifre intorno ai 5000/6000 €. Normalmente un grinder serio dovrebbe quanto meno concentrare in 6/8 ore, a volte anche più, la propria mole di gioco proprio come se fosse un lavoro normale. Non dimentichiamoci che il livello attuale italiano sta piano piano salendo e quindi non è, e non sarà poi così facile giocare solo basandoci sul profit. Purtroppo visto da fuori può sembrare semplice ma vi assicuro che non lo è affatto. Molti pensano “be che difficoltà avrà un grinder a stare 8 ore al giorno davanti ad un pc facendo 475 click su di un mouse”? Il grinder serio e preparato non chè vincente non è solo questo ma deve avere per forza di cose un insieme di fattori che alla lunga lo rendano vincente. Andando quindi per ordine deve avere:   1) Tempo libero a disposizione uguale ad infinito. 2) Avere un mindset perfetto. 3) Deve sapere quanto meno battere anche minimamente il livello in cui gioca. 4) Deve saper gestire a pieno il proprio Bankroll. 5) Non deve subire mentalmente i downsing negativi che gli si possono presentare. 6) Non deve mai sentirsi soddisfatto dei risultati ottenuti   7) Reda: Leggo termini tecnici che magari non tutti conoscono, prova a spiegarli con parole più comprensibili anche per i meno esperti di poker.   Gamar82: Scusa Reda hai ragione molti termini sono forse un po troppo tecnici, cercherò ora di spiegare in poche parole il loro significato. Parlando di Banrkroll si intende la somma di denaro che possiamo investire nel poker, mentre per mindset le cose si complicano un pò. Un giocatore molto esperto e riflessivo acquisirà nel tempo alcuni aspetti fondamentali per incrementare e preservare le proprie finanze ovvero un buon mindset. Questi non è altro che un insieme di fattori che permettono di essere mentalmente sempre pronti, sia in condizioni di varianza positiva sia in situazioni di estrema varianza negativa. Conosco ottimi e forti giocatori che potrebbero fare fortune, purtroppo molti di loro ai primi ostacoli cadono e spesso finiscono con non recuperare nemmeno la somma iniziale di deposito. Questi giocatori non hanno il mindset giusto per essere dei grinder ovvero non hanno ancora sviluppato capacità mentali, dovute dalla pazienza e dalla costanza che un giocatore deve assolutamente avere.   8) Reda: Secondo te chi sono i grinders piu' "forti" al momento e quali le poker room italiane piu' adatte per i grinders? Gamar82: Una poker room per essere adatta ad un grinder deve soddisfare alcuni requisiti minimi:   1) Livello di gioco dovuto dalla bravura dei players ai tavoli; 2) Traffico adeguato appunto per giocare molte ore; 3) Un programma di rakeback buono che permetta di guadgnare soldi tramite una percentuale di ritorno economico; 4) Offerte per tornei live e online di maggior interesse; 5) Software capace di permettere di giocare su svariati tavoli senza trovare situazioni complicate o sgradevoli che forse è la cosa più importante insieme al livello.   I giocatori più forti? Ce ne sono molti ora in Italia di cui alcuni miei carissimi amici. Parlare di una o più persone è purtroppo riduttivo perché ci sono anche grinder di medio livello che per le loro capacità sono comunque lo stesso da reputarsi grandissimi grinder. Stimo tantissimo “HoldemDBoss” ovvero Antonio Tarantino mio caro amico insieme a Simone Ruggeri entrambi del team pro di PokerStars.it. Altro mio carissimo amico Emanuele Pieroni che attualmente gioca su un  altro circuito. Ma in linea di massima ci sono 15 20 giocatori veramente forti che giocano su diverse room italiane. Devo dire però che, molti di loro giocano tantissimo e sono pure molto forti a livello tecnico, ma “Iena” è una macchina e mi sento di dire che la costanza che ha avuto lui in questo anno e mezzo di .it non ce l'ha avuta forse nessun altro, lui è forse l'unico italiano paragonabile ad alcuni grinders americani o tedeschi, non si ferma mai ed è questa la cosa più sconcertante! Veramente tanto rispetto per una persona così perché è faticoso ed estenuante a livello mentale fare il grinder credetemi.   9) Reda: Leggendo ciò che scrivi sembrerebbe che fare il grinders sia molto bello, ma non ci sono "controindicazioni?"   Gamar82: Be come ho appena detto non è cosi semplice, una persona deve aver per forza un insieme di fattori fondamentali per riuscire a vivere con il poker, quindi ancora Mindset (all'interno del quale troviamo già molteplici aspetti mentali e comportamentali da seguire), gestione del Bankroll e tecnica di gioco applicata in base al livello. Sicuramente devo dire che si è più liberi ed indipendenti ma non è cosi tutto rose e fiori come può sembrare. Vivere oggi giorno con uno stipendio medio del centro Italia non è cosi facile, comprarsi poi un casa con arredamento connesso non ne parliamo. Ecco perché sto cercando e cercherò di fare il massimo in questi 2/3 anni sperando, perché no, di arrivare sempre più in alto e sempre mantenendo i piedi ben saldi a terra e con la massima umiltà che tutti devono avere quando parlano di poker.     10) Reda: Ok Marco io spero che i nostri amici si siano fatti una prima idea su chi sono i grinders, ma non posso terminare questa intervista chiedendoti " quanto guadagna un grinders"?   Gamar82: Grazie a voi e grazie per la possibilità che mi avete concesso di potermi esprimere e di portarvi a conoscenza alcune cose su di me e sui grinders, è sempre bello e piacevole condividere le proprie esperienze con altre persone. Un saluto da Marco "Gamar82" Gabrielli. Per quanto riguarda lo domanda sui soldi che un grinder guadagna, faccio finta di non averla letta.   L'intervista e' terminata, ringrazio “thePlayer – Poker Magazine” per avermi concesso questa rubrica che troverete ogni mese sulla rivista.   Articolo tratto dal numero di maggio di "thePlayer - Poker Magazine" a cura di Redaelli Tiberio  

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente