javascriptNotEnabled
Home \ Community \ Blog \

Il Vero Poker

/Ott/2011

Il Paradosso del Sit-Out

Da: Paulinho003 @ 13:18 (CEST) / 7 / Commento ( 0 )
Era già da un po' di tempo che mi ponevo qusta domanda e ne ho avuto conferma mercoledi sera al termine della giornata di SuperLega serie C.
Sono un piccolo appassionato di Astronomia e tutto quello che riguarda le leggi che regolano l'Universo e come capita spesso in questi argomenti anche nel poker penso esista un paradosso, quello dell'Uomo in Sit-Out.

Un paradosso, dal greco παρά (contro) e δόξα (opinione), è un ragionamento che appare contraddittorio, ma che deve essere accettato, oppure un ragionamento che appare corretto, ma che porta ad una contraddizione: si tratta, secondo la definizione che ne dà Mark Sainsbury, di

"una conclusione apparentemente inaccettabile, che deriva da premesse apparentemente accettabili per mezzo di un ragionamento apparentemente accettabile". [fonte Wikipedia]


Non sono qui per parlare dei partecipanti alla Skill, ma di me stesso in quanto Mercoledì oltre alla giornata di SuperLega C era anche serata di Champions League e ero intento a seguire la mia squadra(non diciamo quale visto che non è un sito di calcio ma penso si capisca con facilità :lol: ), e visto che la sola registrazione alla competizione mi avrebbe fruttato circa 8 punti ed essendo 14° in classifica ho ben pensato di prendere comunque punti anche senza poter giocare.

Ma ecco che capita l'evento inatteso. Durante l'intervallo del match di Coppa decido di aprire il software di PS e provare a giocare qualche mano per i 15 minuti che ho di stacco e in questo fantomatico quarto d'ora riesco a vincere due piatti considerevoli (si era al secondo livello di bui) portandomi ad oltre 2600 chip. Terminato il tempo a disposizione mi rimetto in Sit-Out riaprendo il tutto solo verso le 23 quando oramai ero stato eliminato.

Pensavo tra me e me che sarei addiruttura potuto entrare tra i primi 50, ma sorpresa delle sorprese nel vedere la classifica e la 38a posizione che mi dovrebbe fruttare tra i 14 e i 16 punti, un bottino che mi tiene al sicuro dalla 31a posizione valida per la qualificazione alla Lega B e non troppo distante dal podio.

Allora io mi chiedo: "Non sarà forse meglio in questi tornei a lunga percorrenza aggredire ad inizio fase, racimolare qualche buon bottino facendo leva anche sul timore degli altri di uscire presto e poi giocare pochissimo? Tanto i punti arrivano sicuro e si abbassa notevolmente il rischio di essere eliminati troppo presto mettendo a repentaglio il campionato."

Lascio a voi l'arduo compito di dare una soluzione ad un quesito che secondo me ha sia aspetti positivi che negativi ma che comunque non incarnerebbe lo spirito del poker che è quello di giocare e divertirsi. Stare Sit-Out solo pre prendere punti forse non ha senso tranne in casi di strategie ben studiate.
 
 
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente