javascriptNotEnabled
Home / Video /

Velocizziamo, per favore (di Vile Wahlbeck)


Si sente molto spesso parlare della lentezza dei tornei di poker. Molti giocatori conosciuti si chiedono se si debba fare qualcosa a proposito, ed io sono tra questi. Una delle tattiche più usate per liberarsi dei giocatori casuali è rallentare il gioco, rendendolo noioso.

Naturalmente, ci sono situazioni difficili, o piatti grossi, che richiedono un po' di tempo per pensare. Ma tankare infinito in spot semplici o in piatti piccoli non ha senso.
Qualche anno fa era stata lanciata l'idea dello "shot clock". In una versione di questa idea, il giocatore aveva un (breve) periodo di tempo per farela sua mossa, dopo di che partiva il time bank – come nell'online. Comunque, non era chiaro come una modifica del genere si sarebbe potuta inserire nel circuito live, né se avrebbe funzionato.

Qualche tipo di "shot clock" potrebbe essere necessaria in futuro, ma io credo che la maggior parte del lavoro potrebbe essere svolta educando i giocatori all'etica del poker, cancellando alcune cattive abitudini. Per esempio, ci sono tantissimi giocatori che non guardano le proprie carte fino a quando non è il loro turno, e dopo iniziano a pensare a cosa fare.

Ciò interrompe il flusso del gioco e lo rende molto più lento. Immaginate un tavolo con tutti i giocatori, in cui nessuno guarda le proprie carte fino al proprio turno. Secondo me, sarebbe l'incubo del poker!

ville_wahlbeck_pokerstarsblog_shot_clot.jpg

Se i giocatori guardassero le proprie carte nel momento in cui le ricevono, avrebbero già un'idea di cosa fare al momento di parlare, ed il gioco scorrerebbe più facilmente e naturalmente.

Sono piccoli accorgimenti, che influiscono molto sul gioco. I grandi piatti e le decisioni difficili sono rari, e chiunque capisce se in queste situazioni ci si perde del tempo. L'essere lenti ad ogni mano è quello che uccide il gioco.

Un'altra cosa che mi piacerebbe vedere in futuro sarebbero day1 più corti. Oggi, per un giocatore, è normale grindare 11-13 ore al day1 di un torneo, ed alla fine, più di 1/3 del field è già uscito dal torneo. La maggior parte dei giocatori rimasti si sente esausto, e non ha tempo di fare nient'altro.

Mi piacerebbe che le ante fossero introdotte sin dall'inizio del torneo. Questo incoraggerebbe ad essere più attivi nel gioco, e credo che tagliando uno o due livelli dal day1 si otterrebbe lo stesso effetto.

Di nuovo, se i tornei di poker diventano estenuanti e vengono visti sempre più come un lavoro, i giocatori casuali avrebbero poche ragioni per giocarli. Il poker è un gioco competitivo, e ci sono molte persone che lo prendono seriamente. Ma il poker dovrebbe essere anche divertimento. E non credo ci si possa divertire più di tanto, quando si giocano 10 mani in 1 ora!

 
Tradotto da Marcellus88

Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso