javascriptNotEnabled
Home / Video /

Value bet (pt 1)



http://www.twoplustwo.com//images/logo_twoplustwo.jpg


Una value bet è una bet con la quale ci aspettiamo di essere chiamati con mani peggiori della nostra ed il valore che guadagnamo da queste mani peggiori supera le perdite cui andiamo incontro quando non abbiamo la mano migliore o quando siamo costretti a foldare prima di arrivare allo showdown.

Possiamo bettare per 6 motivi:
per Valore - sappiamo che il nostro avversario ci chiamerà con una mano peggiore
per Protezione – vogliamo portare l'avversario ad effettuare un call -EV alla nostra bet
in Bluff – l'avversario è in grado di foldare mani migliori della nostra
in Semi-bluff – la nostra mano ha ancora equity, ma ci sta bene anche vincere il piatto subito
per Informazione – solo quando conosciamo l'avversario, ed il suo modo di reagire potrà farci capire come siamo messi nella mano
per Deception: vogliamo polarizzare il nostro range
 
VPBSID. Ripetiamolo tutti insieme: VPBSID. Perfetto, adesso che abbiamo un acronimo semplice da dire e da ricordare, non dimenticheremo più quali sono i motivi per puntare!
 
Tornando all'argomento principale dell'articolo, quello di cui andremo a parlare è la value bet, concetto chiave per chi gioca i microlimiti. Saper utilizzare bene le value bet ci darà un grandissimo vantaggio su un tipo di giocatore molto frequente ai limiti bassi, i loose passive (o calling station).

Quando value-bettiamo una mano forte, ma non fortissima, spesso non potremo chiamare se veniamo rilanciati. Perciò, quando value-bettiamo, non vogliamo vedere un raise. E quando veniamo chiamati, non vogliamo che il nostro avversario abbia una mano migliore della nostra. Se veniamo chiamati da una mano migliore, stiamo solo perdendo soldi, e non avremmo dovuto bettare.

Abbiamo bisogno di essere avanti al range dell'avversario abbastanza da bilanciare le volte che veniamo rilanciati e dobbiamo foldare. Se ci troviamo in una situazione dove le nostre bet verranno rilanciate spesso (ad es. contro giocatori aggressivi, o quando il board potrebbe dare al nostro avversario o nut o aria), dobbiamo essere sicuri di essere spesso avanti al range avversario per fare in modo che la nostra bet sia +EV. Quando value-bettiamo, non vogliamo bet/foldare spesso.

Quando effettuiamo una value-bet, vogliamo che il nostro avversario chiami. E quando chiama, vogliamo che lo faccia con una mano peggiore. Se quando ci chiama non ha spesso una mano peggiore della nostra, o se non è capace di chiamarci con una mano peggiore, dovremmo evitare di puntare.

Le value bet verranno spesso fatte con mani non molto forti, come TPTK o coppie medie. Puntare mani molto forti (doppie coppie, tris, scale, colori ecc.) è spesso una decisione semplice. Le mani che ci daranno più grattacapi sono quelle più marginali, sopratutto contro le calling station, che difficilmente foldano. Qualche volta dobbiamo stare particolarmente attenti, come quando leghiamo set su board molto coordinati, scale basse o colori piccoli. Ma non sono situazioni molto frequenti, e spesso dovremo decidere se value-bettare o meno con una coppia.
 
Lettura delle mani
Il teorema fondamentale del poker dice:
  
"ogni volta che giochiamo una mano differentemente da come l'avremmo giocata se avessimo potuto vedere le carte dei nostri avversari, loro guadagnano; ed ogni volta che le giochiamo allo stesso modo di come l'avremmo giocata se avessimo potuto vederle, loro perdono."
 
Una buona lettura delle mani ci aiuta a superare l'incompletezza delle informazioni caratteristica del poker. Se siamo capaci di capire le mani degli avversari, guadagnamo un vantaggio incredibile.

Per value-bettare correttamente, dobbiamo essere bravi a leggere le mani. E ciò include anche essere bravi a valutare il board.
  
Dobbiamo essere in grado di mettere il nostro avversario su un range, finché non ci verrà quasi automatico. Ma ciò non basta: per valorizzare al meglio le nostre value-bet, dobbiamo anche mettere il nostro avversario un calling range.
 
Se non riusciamo a farlo, stiamo solamente spewando. Stiamo mancando una bet che un giocatore più bravo di noi avrebbe fatto. Per migliorare abbiamo bisogno di pratica; abbiamo bisogno di imparare lo stile di gioco dei diversi tipi di giocatori. Se vogliamo essere dei buoni pokeristi, dobbiamo essere in grado di assegnare un range al nostro avversario.
 
Questa è una skill fondamentale nel poker. Se ai nanostakes può andare bene non averla, perché gli avversari sono veramente molto scarsi, se vogliamo salire di qualche livello abbiamo bisogno di avere almeno una capacità basilare di lettura delle mani, in quanto non possiamo sempre sperare di giocare coi fish, evitando i giocatori più bravi.

 
Tratto dal forum twoplustwo
 
 
 
 
Tradotto da Marcellus88
 
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso