javascriptNotEnabled
Home / Video /

Uscire dai microlimiti negli anni '10 (pt 10)

 
http://www.twoplustwo.com//images/logo_twoplustwo.jpg

 
 
Tag, seconda tipologia
 
Come i TAG descritti nella scorsa parte dell'articolo, hanno un VPIP simile (18-24%) ma dai blind hanno uno stile di gioco in 3bet/fold. Per questo, hanno un range leggermente più tight ma lo giocano più aggressivamente.
Questi sono i giocatori che flattano le coppie medio-basse (22-99), ma 3bettano un range abbastanza ampio perché "sono avanti al nostro range di apertura da BTN". Quindi, il loro range di 3bet di circa il 14% sarà qualcosa di simile:




Ovviamente, è un range standard che potrà variare ad ogni avversario, ma generalmente sarà composto da:
A. Mani di valore con le quali sono disposti ad andare rotti preflop (TT+, AK). Questo rappresenta solo il 3.5% del loro range. Potrebbero anche 5bet-shovare AQ in base alle dinamiche, ed in questo caso sarebbero disposti a metterle tutte con il 5% del range.
B. Broadway con le quali 3bettano perché "sono avanti al nostro range" e possono floppare una top pair decente. Ciò costituisce circa il 4% del loro 14% totale.
C. Suited connectors/Ax random. Ovvero, tutto il resto.
Come potrete notare, è ancora +EV aprire con un range molto ampio contro questi giocatori, perché giocheranno quasi sempre in 3bet o fold dai blind. Quando 3bettano, la maggior parte del loro range è abbastanza debole e noi possiamo chiamare con la parte forte del nostro – KQ+, AJs+, AQ+, QQ+ - e giocare in posizione.
4bet/calleremo mani come 99-JJ e 4bettare direttamente in all-in 55-88. Possiamo anche 4bettare mani random come QJo o Ax random, perché possiamo aspettarci un fold abbastanza spesso da fare profit.
 
 
Un po' di matematica sulla 4bet in bluff
Apriamo 3BB e l'avversario 3betta a 10BB dai blind. Nel piatto ci sono 13BB. Noi 4bettiamo fino a 26BB. Quando lo facciamo, stiamo rischiando 23BB per vincerne 13.
Per fare profit, l'avversario dovrà foldare (23)/(13+23) = il 68% delle volte. Considerando che l'avversario è disposto a giocarsi tutto con TT+, AK, la 4bet qui è abbastanza marginale, ma ha delle implicazioni interessanti a livello di metagame:

A. L'avversario sarà meno incline a 3bettarci light, se sa che siamo in grado di 4bettare in bluff;
B. L'avversario sarà disposto a metterle tutte in mezzo con un range più ampio.

Così, visto che hanno stretto il loro range, noi potremo rubare i blind più tranquillamente e con maggior frequenza.
 
 
Altra matematica: 4bettare in push con coppie medie
Abbiamo detto che l'avversario ci 3betta con circa il 12% del suo range, e questo range include mani che giocherà in 3bet/fold. Per la precisione, circa i 2/3 delle mani che 3betta, saranno foldare davanti ad una nostra 4bet. Contro un range come TT+, AQ+, una mano come 66 gioca al 38% di equity. Quindi, assumendo di avere uno stack di 100BB:
- Il 66% delle volte il nostro avversario folderà, e noi vinceremo 13BB (i 3 della nostra apertura ed i 10 della sua 3bet);
- Il 33% delle volte chiamerà ed avremo il 38% di equity contro il suo range. La nostra parte di equity su un piatto di 200BB è quindi di 76BB. Visto che ne stiamo rischiando 97 per questa giocata, sul lungo periodo ci costerà 21BB.

Quindi: 66% (+13BB) + 33% (-21BB) = +1.65BB.

Potrebbe non sembrare molto, ma dobbiamo sempre tenere a mente quanto spiegato sulla 4bet in bluff.
Giocare in questo modo potrà aumentare leggermente i nostri BB/100 sul breve periodo, ed in maniera più massiva nel lungo periodo, soprattutto quando incontriamo avversario predisposti al tilt.
 
Tratto dal forum twoplustwo
Tradotto da Marcellus88



Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso