javascriptNotEnabled
Home / Video /

Una mano, due direzioni (di Barry Greenstein)


Recentemente ho letto un'intervista di Antonio Esfandiari nella quale parlava del piatto da 600.000$ che abbiamo giocato durante la settima stagione degli high stakes poker. Lui aveva , io coppia di 4, ed al flop sono scesi . Abbiamo messo tutti i soldi in mezzo, con Antonio che aveva doppio gutshot e 4/5 di colore, ed io set. Ho perso il piatto, visto che al turn Antonio a chiuso colore, ed al river il board non si è accoppiato. Per Antonio si è trattato del piatto più grosso mai vinto in vita sua, per me...

Non ho più giocato un evento High Roller da quando ho perso quel piatto, mentre per Antonio è stata una svolta. Ha fatto molto bene durante quella sessione, e poco dopo ha iniziato a giocare high roller e super high roller. Antonio è anche riuscito a vincere il torneo che abbia mai avuto il più alto primo premio nella storia del poker, l'evento inaugurale One Drop delle WSOP. Penso quasi che il risultato di quella mano ci abbia mandato in direzioni diverse.


http://www.pokerstarsblog.com/en/blog/barry_greenstein_team_pro_esfandiari.jpg

Molte persone credono che piatti del genere non possano essere reali, e mi è stato chiesto molte volte se quella mano dell'High Stakes Poker fosse stata programmata per creare azione. Posso garantirvi che non era così. Il motivo per cui può sembrare tutto studiato a tavolino è che quando il programma viene trasmesso in onda si scelgono solo le mani più interessanti, e si lasciano da parte quelle più noiose. In questo modo, sembra tutto artificiale. Ricordo che, alla fine di quella sessione da 8 ore, stavo parlando con uno dei produttori, e mi ha detto che la sessione era stata così noiosa che c'era una sola mano da poter mandare in onda.

Stavamo giocando con i nostri soldi. Alcune persone vendono delle quote, così non giocano per il 100% dei loro soldi, come faccio sempre io. Abbiamo ricevuto una "partecipazione" di 1.250$ l'ora (10.000$ per la sessione), ma tutti i soldi che erano al tavolo erano i nostri. Non solo giocavo l'High Stakes Poker con i miei soldi, ma quei 600.000$ di perdita sono stati un gran danno economico, ed hanno cambiato gli eventi che avrei dovuto/potuto giocare negli anni successivi. Non ho dubbi sul fatto che Antonio sarebbe comunque diventato un giocatore di successo, ma ci sono buone possibilità che non lo avremmo visto in cima alle classifiche dei più grossi guadagni di tutti i tempi se non avesse vinto quel piatto.

Ovviamente, avrei potuto cambiare le mie sorti se dopo di allora avessi fatto qualche giocata migliore, e magari avuto un po' di fortuna in più. Come l'allenatore di una squadra di football che dice: "È stata solo una giocata sbagliata. Forse questa giocata ci è costata la partita, ma durante il match tutte le altre giocate avrebbero potuto cambiare il corso." È stata una mano memorabile, una giocata costosa, ma solo una mano tra tutte quelle che sono state giocate e verranno giocate a poker.

 
Tratto da pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88




Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso