javascriptNotEnabled
Home / Video /

Una guida incredibilmente lunga sulla lettura delle mani (pt 6)

http://www.twoplustwo.com//images/logo_twoplustwo.jpg

Ed eccoci, dopo aver parlato dei board con carte alte, a parlare dei..
 
 
 
Board accoppiati: generalmente, un board accoppiato è motivo di celebrazione. Perché? Perché in un board non accoppiato ci sono 9 carte diverse del deck coperto che potrebbero dare la coppia al nostro avversario. Invece, su un board accoppiato, queste possibili combinazioni sono solo 5! In altre parole, ci sono il 50% delle possibilità in meno che il nostro avversario abbia legato un punto decente per poter continuare. Dovremmo usare questi numeri contro di loro, se ci sembra ragionevole farlo. Ricordiamo, se abbiamo limpato preflop ed il board è AAK, limitiamoci a check-foldare, perché difficilmente il nostro avversario sarà disposto a crederci.
Comunque, se rilanciamo preflop ed al flop scendono 884, una c-bet in HU ci darà il piatto molto spesso: il nostro avversario realizzerà di aver mancato il board, ci farà una coppia in mano e folderà più spesso di quanto dovrebbe foldare alla nostra c-bet.I board accoppiati sono perfetti per continuare l'aggressione preflop. Ricordiamo che i giocatori aggressivi sanno quanto appena detto, quindi se ci capita di essere in un piatto che qualcun altro ha aperto preflop, il flop è accoppiato ed abbiamo una monster, consideriamo di fare uno slowplay come un check/raise al flop, o addirittura un check/call al flop ed un check/raise al turn. La nostra aggressività farà arrendere chi ha c-bettato abbastanza spesso, e potrà portare l'avversario ad usare la contromisura del bluff, che in questo caso ci darà molti più soldi di quanti ne avremmo vinti normalmente. Ovviamente, questa mossa dovrà essere fatta in base agli avversari, ma teniamo gli occhi ben aperti per quando ci capita la possibilità.

Al turn ed al river, tutte queste cose di cui abbiamo parlato (board connesso, suited, con carta alta ed accoppiato) continuano ad appartenere a quella che abbiamo chiamato "texture" del board. Come regola generale, un avversario tight continuerà a giocare su un board wet quando avrà un punto o un progetto molto forte, tre un avversario loose potrebbe continuare anche con top pair. Un avversario aggressivo potrebbe puntare su un board wet con un draw, una combo-draw, una coppia+draw o anche in bluff totale. Un avversario passivo che punta su un board wet, invece, ha generalmente già un punto fatto – questi tipi di avversari difficilmente bettano i loro progetti. Adesso, per iniziare a mettere tutto quanto abbiamo detto assieme, passiamo al quarto comandamento:  
 
4. Conosci l'hand history
Qui discuteremo di mani particolari, che giochiamo contro avversari che conosciamo. Chi punta quanto, e quando? Iniziamo a guardare ai vari tipi di puntata, in quanto diversi avversari puntano in modo diverso. Oggi parleremo della prima regola generale: 
 
Il check/raise: quando un avversario ci check/raisa, ci sta dicendo di avere una mano molto forte. Sa che abbiamo puntato, ma non gli importa. Questo tipo di bet può significare 3 cose: che il nostro avversario ha una mano incredibilmente forte ed ha slowplayato le strade precedenti, che l'ultima carta scesa lo ha aiutato in qualche modo o che sta bluffando perché pensa che la carta che è uscita possa essere una scary per noi. Come regola generale, fidatevi dei check/raise dei giocatori passivi. Ciecamente. Se non avete una MONSTER (scritto non a caso in maiuscolo), dovreste foldare a questo raise. Le persone chiedono spesso: "Posso foldare lacoppia d'A?" Questa è una di quelle situazioni in cui è facile foldarli. Un'altra regola generale è che più un giocatore è aggressivo, più è probabile che il check/raise sia un bluff. I giocatori fanno presto a credere che un check/raise sia fatto in bluff, tuttavia è un evento più raro di quanto si possa pensare. Un avvertimento su questa regola: i check/raise al flop hanno una maggiore possibilità di essere fatti in bluff (o comunque con una mano debole) rispetto ai check/raise in QUALSIASI altra street. Al flop, alcuni possono tenere una linea di check/raise contro chi c-betta troppo, anche con mani come bottom pair/no kicker, perché sanno che il loro avversario avrà spesso soltanto aria. Quindi: un check/raise al flop vuol dire spesso: "Posso battere A alto", ma un check/raise nelle strade successive vuol dire spesso: "Posso batterti".  
 
 
Tratto dal forum twoplustwo 
 
 
Tradotto da Marcellus88
 
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso