javascriptNotEnabled
Home / Video /

Un saluto dall'European Poker Tour (di Brad Willis)

Stamattina ho aperto il cassetto dei miei indumenti intimi, e ci ho trovato dentro un paio di boxer neri che non ho avuto il coraggio di prendere. Sono lì da gennaio 2005, quando Lufthansa ha sbagliato la destinazione dei miei bagagni. Era il 2005, il primo anno dell'European Poker Tour. Non esisteva ancora PokerStars blog. Non c'erano prese per attaccate un laptop e mostrare lo streaming di Noah Boeken che batteva Ram Vaswani in heads up. E non indossavo biancheria intima.
 
Ho risolto quest'ultimo problema trovando un venditore di Copenaghen che parlava bene l'inglese, e mi ha venduto un paio di boxer Martinique, imbarazzanti da indossare all'epoca, troppo stretti per metterli oggi. Tuttavia non riesco a buttarli nella spazzatura, perché, in un certo modo, mi ricordano qualcosa - sia l'EPT, sia il periodo in cui potevo indossare certe taglie.
 
Negli ultimi anni ho passato più tempo in altri tour e con altre faccende, e lo staff EPT si è sobbarcato l'intero lavoro europeo. Nonostante ciò, l'EPT ha segnato l'inizio della mia carriera, e mi mancano quei giorni. Per noi "vecchi", la nostalgia è difficile da cacciare. Molte persone, in questi anni, sono diventate più che semplici colleghi. Molti di loro hanno una sorta di diritto sull'EPT, e la maggior parte ne ha più di me.
 
Visto che a Praga non ero presente, posso solo assumere che Francine Watson e Jonathan Zincke abbiano avuto un ruolo fondamentale nell'assicurarsi che l'EPT finisse così com'era iniziato: con una foto di John Duthie.
 
Molti dei talentuosi giocatori che affollano i tavoli dell'EPT, all'inizio non facevano ancora parte del circuito. Non hanno avuto modo di vedere la passione che ci mettevamo, le amicizie che si sono formate sin dal primo festival. Non hanno visto John Duthie diventare ciò che è diventato, e probabilmente nemmeno gli interessa, Ma a me sì.
 
 
Questa è una foto che ho personalmente fatto a John Duthie diversi anni fa. E ogni volta che penso a lui, penso a questa foto. Duthie è molto esigente, ma è sempre rimasto un gentleman con un enorme talento. Questo suo sorriso rappresenta l'EPT, e anche nei momenti più duri, riusciva a trasmettere sempre gioia.
 
Duthie ha lasciato l'EPT diversi anni fa, ma è stato lui a farlo conoscere al mondo, e in un certo senso, è grazie a lui se PokerStars Championship e PokerStars Festival avranno il terreno spianato. E voglio che nessuno lo dimentichi.
 
Tratto da pokerstarsblog.com
Tradotto da Marcellus88
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso