javascriptNotEnabled
Home / Video /

Texas Hold'em-Mani di partenza e posizione

 

Con quali mani di partenza si deve entrare in gioco? E da quale posizione? Da che altro dipende? Questo video vi darà le risposte:

file=IT_starthaende width=626 height=400 title="Mani di partenza e posizione" subtitle="Scuola di poker - Le basi" splash="602.jpg" scaleMode="fit"]
 

 

Esaminiamo le diverse posizioni:

         Early positon (posizioni iniziali) ed i blind

  • Prima del flop i giocatori sullo small blind e sul big blind hanno il vantaggio di agire per ultimi. A partire dal secondo giro di puntate (dopo il flop), lo small blind ha la peggiore posizione poiché sarà il primo ad agire.
  • Anche il big blind dal secondo giro di puntate ha una brutta posizione.
  • Il giocatore "under the gun" (UTG, il primo giocatore alla sinistra del big blind) ha la posizione peggiore prima del flop ed una posizione non buona subito dopo. Anche i giocatori UTG + 1 e UTG + 2 (i due giocatori alla sinistra dell'UTG) hanno una brutta posizione. 

         Middle position (posizioni centrali)

  • I giocatori in middle position hanno una posizione intermedia, sia prima che dopo il flop.

         Late position (le ultime posizioni)

  • Il giocatore sul cut off (alla destra del dealer/button) ha una posizione molto forte.
  • Il mazziere (dealer/button) ha la posizione migliore, poiché dal flop in poi è l'ultimo ad agire.

In posizione late si ha il grosso vantaggio di conoscere le mosse degli avversari prima del proprio turno. Se ad esempio c'è stata una puntata e un rilancio, si può passare anche una mano relativamente forte dato che probabilmente uno degli avversari ha una mano migliore. Se gli altri giocatori hanno optato per il check, essi probabilmente non hanno delle buone carte e si può puntare anche con una mano relativamente debole. Oltre a queste importanti informazioni, abbiamo anche il vantaggio che gli altri giocatori non sanno come agiremo prima che sia giunto il nostro turno.

"Avere la posizione o essere in posizione" significa che a partire dal flop si ha la posizione migliore. Se si effettua un rilancio da middle position e chiama solo il big blind, si ha la posizione per il resto della mano, poiché la prima mossa spetta sempre al big blind. Se chiama anche il mazziere (dealer), questa volta è lui ad avere la posizione. Al flop, al turn e al river saremo sempre i primi a parlare. In posizione è possibile sfruttare al meglio le debolezze degli altri giocatori.

Quanto migliore è la posizione, tante più mani potranno essere giocate con successo. Pertanto in early position è opportuno passare molte mani, giocando solo le mani migliori. Al contrario, in late position è possibile giocare un maggior numero di mani. In linea di massima la posizione è decisamente più importante nella variante no-limit che nel fixed-limit.

Mani di partenza

In generale le mani di partenza possono essere suddivise come segue:

Coppie alte:

             

Nel Texas Hold'em queste sono le mani di partenza migliori. Queste mani di partenza sono così forti che spesso si vince anche senza ausilio delle community cards. Con queste carte si dovrebbe rilanciare da ogni posizione, anche per ridurre il numero di avversari.

Coppie medie:

                 

Anche queste carte sono forti. Lo svantaggio delle coppie più piccole è che ci sono flop in cui escono carte più alte (overcards) della coppia. In questo modo diventa difficile valutare la forza della propria mano.

  • Esempio:

    Se ho in mano due assi, nessun altro giocatore può ricevere una coppia più alta al flop. Ma se io, ad esempio, ho in mano e al flop arriva , non so più se la mia coppia continua ad essere la mano migliore. Se un avversario ha un re o un dieci, può formare con le carte del flop una coppia migliore della mia (es. ). Se la mano iniziale dell'avversario è composta da un ed un , egli può formare una doppia coppia () migliore dei miei due . Se l'avversario ha già una coppia in mano, potrebbe addirittura aver formato con il flop un set (tre , tre o tre ) e sarei di nuovo sconfitto. Dunque è molto difficile continuare a giocare una tale mano, dopo il flop, in maniera redditizia.

Coppie basse:

           

Per avere una reale possibilità di vittoria normalmente le coppie piccole devono migliorarsi in un tris, soprattutto se stiamo giocando contro più avversari.

Da un punto di vista statistico, si lega un tris (set) una volta ogni otto flop. Dunque per un giocatore con in mano una coppia bassa, è conveniente che al piatto partecipino molti giocatori. Così la puntata sarà redditizia se si realizza il  tris. Poiché non si può sapere in anticipo cosa faranno i giocatori successivi, è consigliabile giocare una coppia piccola solo quando si è in buona posizione e solo se altri giocatori hanno già chiamato.

Se non si riesce a formare un tris con una coppia piccola, normalmente al flop è meglio passare quando si gioca contro diversi giocatori. C'è tuttavia un aspetto interessante da considerare: prima del flop una coppia è favorita contro qualunque mano che non sia una coppia. Poiché le possibilità contro due carte più alte sono più o meno nell'ordine del 50 e 50, siamo in una situazione simile al lancio di una monetina (o coin flip).

Assi forti:

       

         

Le combinazioni che contengono un asso sono carte forti, con cui di regola si dovrebbe rilanciare per cercare di far foldare i giocatori con in mano coppie basse.

Assi con kicker dello stesso seme (suited):

                .... ecc.

Si tratta di carte solide che rafforzano il loro valore quando riescono a migliorarsi in un colore o in una doppia coppia. Il colore si ottiene raramente, ma se si ha in mano un asso si ha automaticamente il colore più alto. Pertanto un asso con un kicker del medesimo seme ha decisamente un valore superiore rispetto alla maggior parte delle combinazioni di carte dello stesso seme, come ad esempio .

Figure:

       

          

Sono mani forti in quanto favorite nei confronti delle carte più piccole e hanno praticamente le stesse possibilità di vittoria rispetto alle coppie più piccole.

Suited connectors:

           

Si tratta di mani speculative, che come le coppie basse, dovrebbero essere giocate solo da late position (posizione avanzata), se nessun altro giocatore ha rilanciato e possibilmente se ci sono già alcuni giocatori nel piatto. Per "speculative", intendiamo quelle mani che potrebbero, in presenza di un flop favorevole, darci una mano molto forte (tris, scala o colore), ma che nella maggior parte dei casi formano solamente una mano debole (coppie piccole o peggio). Più numerosi sono i giocatori che partecipano alla mano, tanto più redditizio diventa il piatto, dunque vale la pena giocare anche mani che realizzano raramente un buon punto al flop.

Se si centra il flop con una mano speculativa, solitamente si ha una mano molto forte e si possono vincere dei piatti consistenti.

Gruppi di mani di partenza

Le mani di partenza possono anche essere suddivise in gruppi. Le mani di partenza che appartengono al medesimo gruppo hanno quasi la stessa forza.

  • Gruppo uno:

           

  

Nell'Hold'em queste carte costituiscono le migliori mani di partenza. Possono essere giocate da qualsiasi posizione, e il giocatore che ha in mano queste carte deve, di regola, rilanciare.

  • Gruppo due:

        

   

Anche queste carte sono ottime. Con esse normalmente dovremmo rilanciare se nessuno ha rilanciato prima di noi. Possono essere giocate da qualsiasi posizione.

  • Gruppo tre:

   

       

       

Queste carte possiedono un gran potenziale di vittoria. In early position con queste carte si può tuttavia passare, in particolare quando il tavolo è molto aggressivo e si prevede che i giocatori successivi rilancino.
  • Gruppo quattro:

   

   

   

             

Con le mani del gruppo quattro è più frequente vincere che perdere contro mani casuali. Dovrebbero tuttavia essere passate in early position e, se ci sono stati rilanci, anche in middle e late position.
  • Gruppo cinque:

       

   

   

   

       

              

Si tratta di mani che hanno un certo potenziale. Se ci si trova in early o middle position, con queste carte si dovrebbe passare.

  • Gruppo sei:             

       

   

  

       

   

   

           

Queste mani possono essere giocate in posizione late se nessuno degli altri giocatori ha rilanciato.

  • Gruppo sette:  

           

  

  

   

   

              

Queste sono mani molto deboli, che sicuramente richiedono un grosso aiuto dal board. Poiché ciò si verifica raramente, normalmente devono essere passate a meno che nel piatto non siano presenti diverse chiamate e nessun rilancio.

  • Gruppo otto:


       

   

   

       

   

           

               

Queste mani sono deboli. Si devono giocare solo quando ci si trova sul button o nei blind o se più giocatori hanno già chiamato e nessuno ha rilanciato.

Apri la lezione completa
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso