javascriptNotEnabled
Home / Video /

Tenere il poker in famiglia o “Papà, cosa ci fai qui?”



Siete seduti al tavolo di un grosso torneo, guardate le vostre carte, vi accorgete che sono vincenti, poi rialzate lo sguardo e realizzate di essere contro vostro padre.
È questo lo scenario che si è trovato ad affrontare Rodrigo Quezada durante il Main Event del LAPT in Cile, poi vinto da Martin Harris. È stato un momento inusuale, e considerando che Quezada Junior ha chiuso in 7a posizione, potete immaginare com'è finita la mano.
Secondo Harris, si è trattato di una scena emozionante, con Claudio Quezada che si dirigeva verso il pubblico e suo figlio Rodrigo che ha versato un paio di lacrime, forse temendo che non avrebbe ricevuto la cena prima di andare a letto.


rodrigo_quezada_11mar15.jpg
 

Ok, non è andata esattamente così, ma la dinamica padre-figlio si vede difficilmente in un ambiente così competitivo.
Quando ciò accade può succedere di tutto, come accade nel film di poker Lucky You con Eric Bana, Drew Barrymore e Robert Duvall.
Duvall interpreta L.C. Cheever, un vecchio giocatore di poker separato da suo figlio Huck Cheever, interpretato da Bana, un giocatore molto promettente che con una grande vittoria potrebbe mettersi "in proprio".
È girato a Las Vegas, ed hanno partecipato nomi del calibro di Daniel Negreanu, Berry Greenstain, Doyle Brunson, Phil Hellmuth e Sam Fahra – proprio quest'ultimo è buttato fuori dal Main Event da uno sconosciuto qualificato tramite internet, riprendendo la storia di Chris Moneymaker.


wsop_main_event_11mar15.jpg



Durante la scena più importante, quella del tavolo finale, Huck – sapendo che suo padre non vuole altro che vincere il Main Event – folda la sua coppia d'Assi, permettendo a suo padre di eliminarlo e di proseguire nel torneo, salvo poi essere eliminato dal ragazzo-Moneymaker, ma con la conclusione di ricongiungersi con suo figlio.
È un po' sdolcinato, ma questo finale si addice al film. Ma va un po' contro la natura del poker secondo la quale, correggetemi se sbaglio, nessuno esiterebbe a check-raisare anche contro la propria nonna. Ma qui si parla di finzione. Nessuno lo farebbe nella vita reale, giusto?
Questo tentativo di gioco padre-figlio è poi stato tentato nel 2006, composto da 6 note coppie padre-figlio:
 
 
1. Barry and Jeff Shulman
2. Dick and Vince Van Patten
3. Doyle and Todd Brunson
4. Barry Greenstein and Joe Sebok
5. Steve and John Stolzmann
6. Mike and Romeo Simon

Il formato prevedeva che genitori e figli si potessero scambiare tra di loro, e potevano farlo in qualsiasi momento – anche nel corso di una mano. Ma quando sarebbe rimasto solo un team, padre e figlio avrebbero dovuto scontrarsi tra loro, in uno scontro disegnato per torturare la Mamma e rovinare il Giorno del Ringraziamento. In questo caso è stato Greenstein vs Sebok, ed il primo è riuscito dimostrare che l'esperienza, in questi casi, può essere molto importante.


barry_greenstein_11mar15.jpg



Ma in questo caso si trattava di qualcosa di programmato. Cosa succederebbe, invece, se il destino mettesse contro maestro ed allievo durante un torneo? Beh, è già successo. Ad esempio, Doyle e Todd Brunson sono stati allo stesso tavolo WSOP, addirittura seduti vicini per un po' di tempo. Non sappiamo se anche Greenstein e Sebok si siano trovati nella stessa situazione, ma hanno partecipato a molti tornei assieme. E se non ci sono mai passati, probabilmente è solo questione di tempo.


doyle_brunson_11mar15.jpg



Da questa parte dell'Atlantico, invece, è successo che Yury Gulyy e suo figlio Andrey, entrambi regular dell'EPT, abbiano giocato gli stessi eventi ma senza essere al tavolo assieme.


Yury_Gulyy_11mar15.jpg


Andrey_Gulyy_11mar15.jpg


C'è anche il Team Pro di PokerStars Luca Pagano con suo padre Claudio. Oggi giocano maggiormente nel territorio italiano, ma entrambi sono stati protagonisti di diversi EPT.


luca_pagano_11mar15.jpg



Che si siano sfidati o meno durante una mano, difficilmente qualcuno avrà provato la sensazione di Quezada, che ha buttato fuori suo padre in 22a posizione ed ha continuato fino al tavolo finale da solo.

 
Tratto da pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88



Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso