Sta finendo "ormai per hobby" la laurea magistrale in psicologia, ma per vivere "clicka". Marco Patrizio "60d54v3d0nk" Bianco è un professional poker player specializzato nel cash game a un passo dagli high stakes che ha fatto parlare tanto di se in occasione della prima edizione del Sunday Million, quando è uscito in bolla al torneo italiano di poker online più grande della storia.

 

 

sunday_million_aniversary_440x274.png

 

Andò così: Marco sul BB si trova , è secondo in chip ed è proprio il chipleader ad aprire da UTG+1 per 2 volte il grande buio: "C'erano molto oppo scary money al tavolo e decido di 3bettare per farlo foldare pre flop o comunque più in là, puntando sul fatto che nessuno volesse giocarsi il torneo proprio in quella mano". Al flop cadono , arriva la standard c-bet ma c'è il call. "A quel punto penso che lui abbia top-pair, ma sono ancora intenzionato a farlo passare". Turn è e Marco punta al check-raise per far foldare tutte le mani che non siano doppia coppia, ma trova ancora una volta il call. Il al river chiude un improbabile flush draw e "60d54v3d0nk"decide di uscire pushando "Per far foldare tutte le mani che avrebbero checkato dietro, come una semplice top pair", ma il chipleader nascondeva proprio ed elimina il modenese in decima posizione per €9.489,98.

 

marcopatriziobianco60d54v3d0nk.jpg

 

Ecco la sua carriera riassunta in 6 domande, a un anno di distanza da quell'evento.

Come hai cominciato a giocare il Texas Hold'em?
La mia carriera è iniziata come tanti, spewando random su varie poker room già anni fa e ricaricando ciclicamente. Poi scopro una community che mi aiuta a capire come fare profitto con il giochino e starto con i sit and go low stakes: li masso per un periodo e poi salgo di livello mentre mixo anche MTT. Dopo poco vengo stack-coachato per il NL50 e, grazie a un ottimo insegnante, apprendo le basi del cash game. Quando il cash game arriva in italia parto dal NL200 e ancora oggi lo gioco, anche fino al NL500.

Da quella famosa mano a un passo dal final table, come si è evoluta la tua carriera da giocatore?
Dopo aver sbollato quel final table al Sunday Million, la mia arriera pokeristica non è cambiata: gioco ancora agli stessi limiti e non sono salito di livello perché il bankroll ancora non me lo ha consentito.

Quella di vincere il Sunday Million è una sfida rimasta in sospeso?
Non ci tengo particolarmente, nel senso che il Sunday Million lo devi prendere come uno shot: quel che viene viene. Il numero di piatti da giocare e giocatori da affrontare è così alto che, soprattutto se si gioca così poche volte, il concetto di aspettativa non ha senso. Ovviamente ci riproverò e ho giocato anche il secondo uscendo con un cooler come tanti.

Cambieresti qualcosa tornando indietro?
La mano ovviamente è sbagliata, ma l'unica cosa che cambierei è il push al river.

Quell'episodio ha cambiato il tuo modo di giocare?
Non mi è pesata particolarmente, anzi, per certi versi mi ha migliorato: nonostante la mano in se è sbagliata, ho avuto la conferma che altri ancora ricercano. Se devo mettere pressione perché ho margine lo faccio indipendentemente dal fatto che io stia giocando per 2€ o per 200.000€.

Ti sei posto qualche traguardo come giocatore?

Non punto a nessun torneo in particolare. Non dico di giocarli solo per divertimento ma non sono di sicuro il mio main game. Mi ritengo particolarmente fortunato a conoscere un grinder, "Giombo84", che ritengo skillatissimo in MTT.

Questa sera Marco sarà di nuovo ai tavoli del Sunday Million provando a migliorare la sua prestazione. Voi avreste avuto il coraggio di andare all in al suo posto? Provate anche voi lo "shot" nel torneo online da 1.000.000€ garantiti, siete ancora in tempo per qualificarvi!