javascriptNotEnabled
Home / Corsi / Omaha e altre varianti /

Seven Card Stud

Seven Card Stud: 5th e 6th Street

Di solito la strategia da adottare quando arriva la quinta e la sesta carta è la stessa. Andiamo ad analizzarla.

 

La decisione di gioco alla fifth street è importante quanto un'accurata selezione della mano iniziale all'inizio del gioco. I motivi sostanziali sono due:

  • da un lato continuare a giocare una mano significa spesso che ci si "impegna" sino all'ultima carta e allo showdown.
  • dall'altro lato invece nel limit Seven card Stud a partire dalla fifth street si gioca con puntate pari al limite superiore, il che significa che si gioca con un importo esattamente doppio rispetto a quello precedente.

Soprattutto nelle partite particolarmente aggressive il piatto nei tre giri di scommesse che mancano da questo momento fino allo showdown, aumenta in maniera più consistente rispetto all'inizio.

Un giocatore che vuole ottenere dei successi con il Seven-Card-Stud nella fifth street avrà una visione relativamente chiara di quale tipo di mano potrebbero avere i giocatori ancora attivi sino a questo momento, se ad esempio avevano e hanno ancora un flush o un straight draw o se giocano una coppia. Questo significa che a partire dalla fifth street le carte scoperte dell'avversario acquistano un'importanza ancora maggiore. Oltre alla domanda, comunque importante, su in che modo le carte scoperte degli altri giocatori sono in grado di ridurre i miei out, la domanda chiave è comunque quella di sapere quali carte potrebbero avere migliorato le mani di chi siede al tavolo.

Anche nella fifth street dobbiamo distinguere tra made hand e draw. Contrariamente ai giri di scommesse precedenti, ora il potenziale della propria mano rispetto alla forza relativa dell'avversario può essere valutata in maniera decisamente più chiara. Il calcolo dei propri out e le conseguenti probabilità di vittoria allo showdown si muovono entro una gamma valutabile.

A titolo di orientamento generale, ecco alcune probabilità di vincita di diverse mani nell'ambito di un confronto heads-up:

Odd alla fifth street  

(I dati tra parentesi sono le probabilità di vittoria in %)

Tris                               vs.        4 Carte straight e flush draw
  (63)                 (37)

Tris                               vs.        2 coppie più alte
  (81)                   (19)

Tris                               vs.           flush
  (32)                   (68)

2 coppia                       vs.        coppia più alta con flush draw
(41)                     (59)

2 coppia                       vs.        coppia più alta con 3 carte più alte
(58)                    (42)

straight                          vs.        flushdraw
(64)                    (36)

coppia di assi                vs.        1 coppia con straight draw scoperto
(50)                   (50)

Piccolo full house         vs.        Tris più alto
(65)                    (35)

Made hand alla fifth street

Alla fifth street un avversario può avere in mano già un full house o addirittura un poker. La premessa è che tra le sue carte scoperte vi sia almeno una coppia.

Sostanzialmente alla fifth street una made hand non dovrebbe mai essere giocata slow. Anche se abbiamo iniziato con un tris e la mano sino a questo momento è stata giocata slow, è ora giunto il momento di passare all'offensiva. Gli avversari che nella fifth street pagano il giro di scommesse per intero, solo in casi rarissimi passeranno man mano che il gioco prosegue, in quanto le pot odds giustificano a questo punto praticamente ogni call.

In questo contesto è un grave errore giocare in modo passivo, poichè è come se si incitano i draw a continuare a giocare. Se si è convinti di avere in mano le carte migliori, si deve guidare il gioco cioè rilanciare.

Un check raise con una made hand, alla fifth street, è indicata solo se si è certi - in base al profilo del giocatore - che il giocatore successivo intende realmente puntare.

La maggior parte degli errori nel gioco del Seven Card Stud avvengono proprio alla fifth street con mani marginali, come due coppie piccole oppure una coppia alta e una piccola con kicker non "vivi". Come già citato in un articolo precedente, in quasi due terzi degli showdown si mostra una cerchia di mani che va da una a due coppie. Se si prevede che a questo punto ci troviamo contro due coppie più alte, senza opporre resistenza è bene lasciare la mano e passare. Spesso è vero che le immediate pot odds giustificherebbero il pagamento di una puntata. In molti casi, e specialmente nella multiway action seguono però un raise e gli altri due giri di scommesse alla sixth e alla seventh street, cosicchè  una scommessa al limite superiore si trasforma rapidamente in quattro. Poiché il piatto attuale è tuttavia andato formandosi solo tramite le puntate nel limite inferiore, le puntate raccolte non sono più in rapporto +EV.

Draw sulla fifth street

Presupponiamo che alla fifth street si giochi un draw, come ad esempio un flush draw con quattro carte dello stesso seme. Anche in questa mano uno stile di gioco più aggressivo sul lungo periodo presenta dei vantaggi. Se vogliamo pagare comunque una puntata, nella maggior parte dei casi è opportuno che apriamo noi stessi direttamente il gioco. 

  • Esempio 1: Ho iniziato con tre carte di quadri e alla fifth street ho ricevuto la quarta carta di quadri. A partire dalla fourth street sono heads-up con un avversario, che metto su una coppia piccola o su un straight draw. Nella  fourth e nella fifth street ha preso due carte che apparentemente hanno migliorato la sua mano di partenza. Ora punto direttamente, in quanto in primo luogo vi è la giustificata possibilità che egli a questo punto passi la sua mano. Se chiama la mia scommessa, posso preparare un possibile bluff per i due giri di scommesse successivi, nel caso non riesca a realizzare il mio flush.

Un ulteriore errore è l'ipotesi che con un draw alla fifth street si debba tenere in gioco il maggior numero possibile di giocatori. Se il draw, per fare un esempio, presenta delle overcards rispetto alla coppia che si suppone abbia il giocatore che ha puntato, si deve sempre rilanciare, anche per spingere i giocatori rimasti in gioco a passare. Se con un draw si ha la possibilità di scegliere di giocare contro uno o due avversari, nella maggior parte dei casi la situazione heads-up è la migliore alternativa. Nella situazione heads-up, emergono dal potenziale della mano, spesso altre soluzioni alternative, che nella multiway-action non basterebbero per vincere allo showdown.

  • Esempio 2: Ho iniziato con un tre di picche e tra le mie hole cards ho in mano un . Alla fifth trovo il . Siamo in tre e il giocatore A, che sino a quel momento nei giri di scommesse precedenti ha sempre giocato con una come door card, nella fifth street trova un . Apre nuovamente il giro di scommesse con una bet e ora io rilancio, anche se ipotizzo che abbia in mano una coppia di donne. La doppia scommessa spesso spingerà il giocatore B, seduto alla mia sinistra, a foldare la sua mano e giocando heads-up posso magari vincere lo showdown con una soluzione alternativa, ad esempio con una coppia alta, se con le restanti due carte potessi trovare un asso o un re.

La sixth street

Altre probabilità di vincita in diverse situazioni heads-up nel sixth street:


Full house                            vs.        Tris più alto
(76)                 (24)

Full house                            vs.       2 coppie più alte
(90)                 (10)

Straight                                vs.       Tris
(75)                 (25)

Straight                                vs.       Tris 
  (90)                (10)

2 coppie                              vs.       Coppia più alta (Kicker più alti)
(71)                 (29)

1 coppia                              vs.       4 carte flush draw con carte più alte
(58)                 (42)


Alla sixth street spesso ci si trova in una situazione in cui non si è in grado di comprendere chiaramente se si è favoriti o solo degli outsider per la vittoria allo showdown. Le quattro carte scoperte dell'avversario e l'atteggiamento di gioco delle mani precedenti talvolta lasciano diverse possibilità di interpretazione della sua mano.

Ciò avviene ad esempio quando uno ha in mano una coppia alta e all'inizio ha valutato che l'avversario ha una coppia più piccola. Se alla sixth street ha davanti a sé tre carte scoperte del medesimo seme, occorre prendere in considerazione la possibilità che abbia già un flush. In questo caso la soluzione migliore è rappresentata da un check, seguito da un call nel caso di una puntata dell'avversario. Se siete voi a puntare per primi, in molti casi l'avversario, anche se ha in mano una coppia e un flush draw, rilancerà la vostra puntata e vi troverete spesso a perdere una puntata supplementare.

Alla sixth street occorre sempre rilanciare, se si è ampiamente convinti di avere la mano migliore. In pochi casi, in particolare quando le vostre carte scoperte rappresentano una mano forte, con il raise riuscirete a spingere fuori dal piatto un avversario che ha buone possibilità di vincita, in quanto crede di essere "drawing dead".

  • Esempio 3: Ho iniziato con una coppia . Proseguendo il gioco, mi convinco che il mio avversario ha in mano una coppia di donne. Terminato la sixth street ho le seguenti carte scoperte: . Anche se sulla base delle mie hole cards ho solo in mano una coppia di nove con un straight draw open-ended, devo comunque rilanciare la mano contro una presunta coppia di donne. In molti casi il mio avversario può lasciare la sua mano. Tuttavia se paga, con il raise posso logicamente prepararmi un bluff nella seventh street, se l'ultima carta non dovesse di migliorare la mia mano.

In linea generale non ci sono molte possibilità strategiche di ottimizzare il gioco alla sixth street. Sostanzialmente possiamo ipotizzare che una puntata sulla sixth street sarà pagata da tutti i giocatori che in quel momento si trovano ancora in gioco. Il piatto è quasi sempre di un'entità tale che sulla base delle pot odds è difficile che si passi la mano, ad eccezione del caso in cui si è convinti di essere ormai "drawing dead".

[navi]

Seven Card Stud: 7th Street

Ecco le strategie migliori dopo aver ricevuto l'ultima carta.

Vai alla prossima lezione
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso