javascriptNotEnabled
Home / Video /

Resteal (pt 6)

 
 
Avanzare di livello: il NL25

Al NL25, i giocatori rubano con un range molto ampio, ma reagiscono abbastanza staticamente, e senza aiutarsi con le statistiche, alle 3bet.
Un giocatore sa che può spesso 3bettare dai blind, ma non sa perché, non sa come interpretare le statistiche correttamente e non sa come giocare se chiamiamo o lo 4bettiamo. A questo livello, quasi tutti i giocatori sembrano giocare solo in push/fold postflop nei piatti 3bettati. E questo è ancor più vero se siamo noi ad avere l'iniziativa.
Spieghiamo quanto detto in modo estremo: al NL200, se sono sul BTN e rubo/4betto un reg che mi ha 3bettato dai blind, il reg ista-pusherà o ista-folderà. Sa già come reagirà alla mia 4bet prima di effettuare la 3bet. Al NL25, solitamente, i giocatori entrano nel time bank quando 4bettati, e questo è segno di confusione. Al contrario, se ista-pushano, quasi sicuramente hanno una mano premium.

Benvenuti al NL25. Ecco le mie statistiche di resteal al NL25:
3bet dai blind: 4%
3bet dal BTN: 2.5%
4bet da late: 13%
Ed ecco come gli avversari resgiscono alle mie 3bet:
il 9% delle mie 3bet vengono 4bettate
il 37% chiamate.
Non ho un campione troppo grande di questi spot, ma non sono molto dissimili dalle mie aspettative.
Ed ecco le statistiche postflop nei piatti 3bettati:
c-betto il 65% delle volte che 3betto, vincendo il 35% delle volte. Ho runnato molto male in per quanto riguarda l'avere un buon flop da c-bettare: ho floppato un A o un K alto pochissime volte (c-bettate questi flop ed otterrete quasi sempre un fold). Quindi su queste stats non si può fare grandissimo affidamento. La mia winrate è stata bassa anche perché non ho avuto buoni flop da c-bettare, ed è per questo che ho una c-bet del 66% contro il 78% del NL10.
Ecco le mie statistiche quando 4betto:
l'avversario pusha il 4% delle volte
l'avversario chiama il 61% delle volte
l'avversario folda il 35% delle volte
Credo che anche in queste statistiche ci sia da considerare che non ho un grosso campione di mani, tuttavia mi è sembrato che a questo livello i giocatori siano veramente più predisposti al call, rispetto agli altri stakes (ho visto molte persone chiamare con AK fuori posizione).

 
Lezioni imparate
Lezione n° 1: arrivati al NL25, abbiamo più fold-equity preflop quando 3bettiamo, rispetto al NL10. Innanzitutto perché gli avversari giocano con un range più ampio, sopratutto da LP e perché troveremo molti meno avversari che giocano 9/8.
Lezione n° 2: secondariamente, le persone sono più propense a giocare in posizione, ed hanno una tendenza più alta a foldare alle 3bet quando sono fuori posizione rispetto a chi ha 3bettato.
Lezione n° 3: rispetto al NL10, 3bettiamo molto più spesso dai blinds, in quanto i nostri avversari al NL25 folderanno molto più spesso i loro steal da LP.
Lezione n° 4: quando 4bettiamo, terchiamo di tenere un range composto quasi del tutto da valore. Limitiamo le 4bet in bluff o semi-bluff alle volte in cui, chi ci 3betta, ha un'alta percentuale di 3bet dai blind.
Lezione n°5: prendiamo nota degli avversari che commettono grossi errori. Note come "chiama le 4bet IP" valgono oro. Inoltre, avevo trovato degli avversari che non sapevano gestire il fatto che li 3bettassi praticamente sempre, ed alcuni reg che si sono "adattati" diminuendo il loro range di steal. Questi avversari sono ugualmente (ma differentemente) exploitabili.
Prendiamo le note corrette sugli avversari, e sapremo come exploitarli.

 
Tratto dal forum twoplustwo
 
Tradotto da Marcellus88

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso