javascriptNotEnabled
Home / Video /

Puntare al turn vs puntare al river (parte 3)

Clicca qui per la prima e per la seconda parte dell'articolo

Esaminiamo l'exploitabilità del bettare mani di medio valore al river e mai al turn. Come potrebbe reagire l'avversario? Innanzitutto, potrebbe riconoscere le bet al turn come bluff o nuts. Quindi potrebbe correttamente assumere che le sue mani di medio valore abbiano lo stesso valore. Ma questo gli da un vantaggio in termini di equity? Se iniziamo a mixare, puntando al turn con mani di medio valore, allora per il nostro avversario diverrà corretto chiamare soltanto con la parte più forte del suo range. Quindi, bilanciando il nostro range, stiamo "costringendo" l'avversario ad agire in un determinato modo. Ma dov'è il guadagno di equity? Se, ad esempio, bettassimo senza bilanciare, e sia corretto per l'avversario chiamare con l'X% del range, allora potrà arbitrariamente stabilire a cosa corrisponda X. Tuttavia, se bilanciamo, l'avversario dovrà mettere soltanto il top del suo range in questo X%. Non potrà scegliere casualmente come bilanciare, perché non si tratta di una situazione nuts/air, quindi dovrà attendere delle mani più forti. Tuttavia, nonostante questo adattamento, il nostro avversario continuerà a chiamare correttamente, quindi non avremo nessun reale guadagno di equity.
 
Adesso...
 err_notlogged_required_GreyStar
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso