javascriptNotEnabled
Home / Video /

POKER CASH E CASINO' GAMES: ARRIVA L'OK DI BRUXELLES SUL NUOVO DECRETO

 


Ha ricevuto l'ok dell'Unione Europea la bozza di decreto su poker cash e casinò online. Commissione e Stati membri non hanno presentato pareri - e nemmeno osservazioni - ai documento che l'Aams ha trasmesso a Bruxelles il 6 luglio, pertanto è scaduto il periodo di statu quo. Si tratta del "Decreto direttoriale recante disciplina dei giochi di abilità nonché dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza" - il poker cash - della "Regola tecnica per la determinazione dell'imponibile sul quale calcolare la relativa imposta unica sui giochi di sorte a quota fissa sui giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza" e delle "Procedure per la certificazione di piattaforme di gioco da remoto generatori di numeri casuali e applicazioni di gioco". Una prima bozza di decreto su poker cash e casinò games era stato inviata a Bruxelles nell'Agosto del 2009 senza ricevere pareri. E' stato, però, necessario un nuovo passaggio in Commissione dopo lo stop imposto a giugno 2010 dal Tar Lazio che ha accolto il ricorso di Microgame in merito ad alcune norme tecniche aggiunte successivamente alla notifica e che, secondo i giudici, hanno creato difformità tra i due testi. Restano comunque invariati alcuni punti cardine del regolamento. Invariata la posta iniziale, che per il cash game non deve essere superiore a 1000 euro, mentre per i tornei di poker e gli altri skill games il limite è di 250 euro. Resta uguale anche la tassazione per il poker cash game che, come previsto dal decreto Abruzzo, sarà pari al 20% della raccolta, ma al netto delle vincite.
 
L'AVVIO FU STABILITO CON IL DECRETO ABRUZZO, POI LO STOP:
L'avvio del poker cash e dei casinò games fu stabilito con l'articolo 12, comma 1, lettera f), del decreto legge 28 aprile 2009, n. 39 - cosiddetto decreto pro Abruzzo, approvato l'estate scorsa - che ha sostanzialmente disposto l'adeguamento, nel rispetto dei criteri previsti dall'ordinamento interno, nonché delle procedure comunitarie vigenti in materia, della disciplina della raccolta a distanza di giochi di abilità, di sorte a quota fissa e di carte organizzati in forma diversa dal torneo. Sotto il profilo tributario - informa l'Agicos - relativamente alle ultime due modalità di gioco, lo stesso articolo prevede una nuova modalità di calcolo dell'imposta unica. L'adozione delle regole tecniche notificate è necessaria per consentire la corretta applicazione di quanto stabilito dalla legge. Come detto, l'Italia ha sottoposto la bozza di decreto a un nuovo vaglio comunitario vista la sospensione imposta dal Tar Lazio che - il 9 giugno - ha accolto il ricorso di Microgame che evidenziava che l'aggiunta post-notifica di alcune regole tecniche, creava difformità rispetto al testo precedentemente inviato a Bruxelles (nell'agosto del 2009) e che all'epoca aveva ricevuto il via libera della Commissione e degli Stati Membri.
 
LA PIATTAFORMA DI GIOCO, CARATTERISTICHE TECNICHE:
Nel decreto sul poker cash e i casinò games, si chiariscono anche le caratteristiche tecniche della piattaforma di gioco. La piattaforma – si legge - consente il colloquio, anche in tempo reale, con il sistema centralizzato e con il giocatore; la gestione delle formule di gioco e delle sessioni di gioco; l'acquisizione del diritto di partecipazione al gioco o della posta, nonché relativa assegnazione al giocatore del codice univoco oltre all'assegnazione delle vincite, nonché i relativi pagamenti. La piattaforma di gioco, insomma, garantisce la correttezza, l'integrità, l'affidabilità, la sicurezza, la trasparenza e la riservatezza delle attività e funzioni esercitate e la correttezza e la tempestività del pagamento delle vincite.
 
NECESSARIO PRESENTARE UN PROGETTO DI GIOCO:
 Alcune specificazioni nel decreto riguardano anche il progetto di gioco. Si legge, infatti, che il concessionario, ai fini dell'autorizzazione dei singoli giochi in questione, inoltra ad AAMS apposita istanza corredata dal progetto di gioco. Il concessionario allega al progetto di gioco le dichiarazioni di: conformità dell'applicazione del gioco a quanto previsto dal progetto di gioco, dal decreto e dagli appositi provvedimenti di AAMS; la conformità del progetto e dell'applicazione del gioco alla normativa in vigore riguardante i diritti di autore, i marchi e i brevetti. AAMS, a seguito dell'esito positivo della verifica della conformità del progetto di gioco rispetto a quanto disposto, e qualora non sussistano a qualunque titolo motivi di non idoneità del progetto, adotta il provvedimento di autorizzazione del gioco, che recepisce il progetto stesso. Successive modifiche del progetto di gioco sono subordinate alla preventiva approvazione di AAMS.
 
LA TUTELA DEL GIOCATORE IN PRIMIS:
Il concessionario - si specifica nel decreto del poker cash - promuove i comportamenti responsabili di gioco, ne vigila l'adozione da parte del giocatore, tramite l'adozione o la messa a disposizione di strumenti e accorgimenti per l'autolimitazione ovvero per l'autoesclusione dal gioco, l'esclusione dall'accesso al gioco da parte di minori, nonché l'esposizione del relativo divieto in modo visibile negli ambienti virtuali di gioco gestiti. L'attivazione degli strumenti di autolimitazione da parte del giocatore è obbligatoria, pena l'impossibilità di accedere all'area di gioco. Il concessionario esclude dalla partecipazione al gioco il personale appartenente alla propria organizzazione, nonché quello coinvolto a qualunque titolo nello sviluppo della propria piattaforma di gioco. AAMS rende disponibile sul proprio sito internet l'elenco dei concessionari autorizzati all'esercizio dei giochi di cui al presente decreto e dei relativi siti internet.
 
CERTIFICAZIONE DI PIATTAFORME DI GIOCO E APPLICAZIONI:
L'Italia ha ricevuto l'ok dalla Commissione Europea anche per le "Procedure per la certificazione di piattaforme di gioco da remoto generatori di numeri casuali e applicazioni di gioco". Tra le altre cose, vengono definiti i requisiti (compreso l'accreditamento) che devono possedere i soggetti che intendono svolgere attività di certificazione di piattaforme di gioco da remoto, generatori casuali di numeri e applicazioni di gioco. Il progetto notificato riguarda la domanda che deve essere compilata da tutti gli Enti in possesso dell'accreditamento ai sensi del Regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 luglio 2008, che intendono accertare la conformità delle piattaforme di gioco a distanza, dei generatori di numeri casuali e delle applicazioni di gioco relativamente ad alcuni giochi a distanza, tra cui quelli di abilità, di carte organizzati in forma diversa dal torneo e di sorte a quota fissa, nel pieno rispetto degli standard tecnici e delle regole adottate dall'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS). Il modulo di domanda è stato predisposto per acquisire le informazioni necessarie ad AAMS per verificare il possesso di requisiti di affidabilità economica e tecnica e dell'accreditamento dell'Ente da parte di un organismo nazionale di accreditamento comunitario o di altro Stato. AAMS compila l'elenco degli Enti che hanno presentato domanda al fine di renderlo fruibile ai soggetti concessionari dei giochi in oggetto. Può presentare domanda, qualunque ente accreditato idoneo a somministrare, per conto di AAMS, test di conformità alle specifiche da essa stessa stabilite in materia di piattaforme di gioco a distanza secondo quanto riportato nelle Linee guida per la certificazione della piattaforma di gioco predisposte da AAMS. I test di conformità sono richiesti ai soggetti concessionari in sede di istanza di autorizzazione all'esercizio dei citati giochi a distanza. Lo scopo di tali test è di verificare la correttezza, l'integrità, la sicurezza e l'onestà dei giochi che saranno offerti ai consumatori italiani.
 
IMPOSTA APPLICATA SU SOMME NON RESTITUITE IN VINCITE:
Ok dall'Europa anche per la "Regola tecnica per la determinazione dell'imponibile sul quale calcolare la relativa imposta unica sui giochi di sorte a quota fissa sui giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza". Con riferimento alla raccolta a distanza di giochi di sorte a quota fissa e di carte organizzati in forma diversa dal torneo, il progetto di regola tecnica notificato illustra le nuove modalità di calcolo dell'imposta unica che verrà applicata - a differenza di quanto accade per i giochi di abilità - non sulle somme giocate ma sulle somme che non risultano restituite ai giocatori sotto forma di vincite.

 
 
in collaborazione con
 

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso