Ieri, all'apertura del PokerStars Caribbean Adventure sono stati 47 i giocatori che si sono presentati per il Super High Roller dal gigantesco montepremi di 5.292.000$.

L'evento che ha stabilito un record per il suo buy-in (100.000$) ha visto molti iscriversi dopo l'inizio del torneo. I professionisti più affermati e famosi sono d'altronde dei personaggi anche un po' vanitosi che adorano farsi attendere... si è visto per esempio il "Poker Brat" Phil Hellmuth Jr. arrivare dopo cena, a torneo abbondantemente iniziato, fare un po' di scena davanti alle telecamere prima di buttarsi nel gioco... e venire eliminato pochi minuti dopo probabilmente senza neanche avere il tempo di contare le chip.
 
royal_tower_pca_shr_d1.jpg
Phil Ivey non è stato da meno, presentandosi anch'esso molto in ritardo, ma trovando comunque un clima curiosamente molto allegro. Perché in fondo, non importa quanti soldi puoi avere, ma se hai appena scucito 100.000$ un minimo di tensione dovresti sentirla, no? Invece a quanto pare il caratteristico suono delle chip maneggiate dai giocatori era accompagnato dalle risatine di molti. Comunque, il field di giocatori vanta anche altri mostri sacri come Eric Seidel, Antonio Esfandiari, Daniel Negreanu e Bertrand Grosspellier, insomma praticamente tutti quelli che hanno fatto la storia del Texas Hold'em. 
 
phil_ivey_pca_shr_d1.jpg
Veniamo al gioco. Durante le ore del torneo ci sono state numerose eliminazioni, ma più di un giocatore ha deciso di rientrare (non Hellmuth, se qualcuno se lo fosse chiesto). Tra gli altri anche Philipp Gruissem, professionista in realtà poco noto nel nostro paese. Questi si è prima fatto eliminare da Steve O'Dwyer, poi è rientrato e ha scalato la classifica fino a divenire chipleader (771.500). Dietro di lui Scott Seiver (729.000) e Dan Shak (650.000). Ricordiamo che lo stack iniziale era di 250.000 chip. Il miglior giocatore del PokerStars Team Pro è invece Eugene Katchalov, in nona posizione, mentre Negreanu, Grospellier e Jonathan Duhamel (sempre Team Pro) sono in seria difficoltà e hanno chiuso la prima giornata nelle retrovie, ma nemmeno Ivey e Seidel se la passano tanto bene.
 
Philipp_Gruissem_pca_shr_d1-thumb-300x450-179985.jpg
Rimangono in 37. Oggi si ricomincia.