javascriptNotEnabled
Home / Video /

Micro e macro livelli di pensiero (parte 1)

La maggior parte di voi conosce già i livelli di pensiero del poker. Per chi non li conoscesse, ecco i primi tre:
1) Qual è la mia mano?
2) Qual è il range del mio avversario?
3) Quale range sto rappresentando agli occhi del mio avversario?
 
In molti credono che, ai microlimiti, ci si fermi spesso al livello di pensiero 2, ma non è così. Ogni volta che effettuiamo un bluff, o slowplayamo una mano, stiamo pensando a livello 3.
Occasionalmente, si arriva anche al livello di pensiero 4, che sarebbe: "Cosa penso che il mio avversario voglia farmi pensare di avere?" O, per dirla in altre parole, "Il mio avversario sta cercando di farmi credere che ha la mano A, quando invece ha la mano B". Questo livello di pensiero è più complicato, perché per fare un ragionamento del genere servono le informazioni che abbiamo raccolto durante questa mano, più le informazioni che abbiamo raccolto durante le mani precedenti (history).

 
Penso che chiunque, in gioco, faccia ragionamenti del genere, anche se soltanto a livello subconscio. Il mio obiettivo, con questo post, è di parlare dei livelli di pensiero che chiamo "macro".
 
Dopo averci giocato un determinato numero di mani, riusciremo ad assegnare ad un nostro avversario la combinazione di "etichette" (passivo o aggressivo + tight o loose). Più avanti si potrà fare un'altra distinsione tra preflop e postflop, in quanto, ad esempio, alcuni giocatori potrebbero essere loose preflop e tight postflop. Addirittura, si potrà "catalogare" un giocatore per ogni street.
 
John Juanda una volta disse: "Non giocate un grande piatto se non avete una grande mano". Nello spettro che intercorre tra il tight ed il loose, ciò che veramente serve sapere è quanto un determinato tipo di giocatore sia disposto a giocarsi con un determinato tipo di mano, su un determinato board. Una volta compreso il range di mani e l'importo che un giocatore è disposto a giocarsi con questo range ad un determinato punto della mano, si potrà creare una strategia exploitativa per avvantaggiarsi di questa situazione.
 
Nella prossima parte dell'articolo vedremo un esempio di quanto detto finora per cercare di comprendere meglio questi concetti.
 
Tratto dal forum twoplustwo
Tradotto da Marcellus88
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso