Dietro al nick "Tamm3o", terzo classificato al Sunday Special di domenica scorsa, c'è un giocatore professionista: si tratta di Matteo Bonelli che con questo piazzamento conferma le skill che già un anno fa gli permisero di piazzarsi runner-up allo stesso torneo domenicale. Chi è? Cosa gioca? Com'è stato raggiungere questo piazzamento? Ce lo racconta in questa intervista.

Parlaci un po' di te..
Ciao, mi chiamo Matteo Bonelli, ho 37 anni, o meglio, li festeggio tra due giorni e vivo a Genova, città che sembra stia prendendo sempre più spazio nel mondo del poker italiano.
Gioco su Pokerstars.it col nickname "Tamm3o", altro non è che un quasi anagramma del mio nome di battesimo (si legge TAMMEO).


 

matteobonelli.jpg
Com'è stato conquistare questo piazzamento?
Una vittoria al Sunday Special sarebbe stata fantastica, e sebbene il piazzamento finale sia un terzo posto, aver concluso un deal con così tanto profitto mi porta credere che il successo sia mio!

Quali sensazioni hai provato?
Sono un giocatore MTT con un po' di esperienza... capisci che va bene e che stai giocando bene, ma allo stesso tempo sei metodico e rilassato, cosciente che, quando meno te lo aspetti, una mano può stravolgere a favore o sfavore il torneo.
La cosa divertente è che esattamente un anno fa (stesso weekend di giugno) arrivai secondo al Sunday Special, ma a causa degli europei di calcio il montepremi era ridotto e il risultato passò molto più nell'anonimato... :D Ma fu una grande soddisfazione anche quella!!!

Ci racconti il tuo torneo in poche righe?
È stato un torneo molto strano. Alla fase della bolla sono già chipleader, poi tre colpi negativi a fine day1 mi fanno chiudere con soli 13 bui... e tanta amarezza!
A inizio day2 invece la fortuna mi restituisce tutto quello che la nottata precedente mi ha tolto e torno subito in top ten.
Piano piano, mano dopo mano, resto sempre saldamente sopra average e inizio a capire che si può fare qualcosa di molto importante.
Capisco di poter vincere... forse quando siamo 25 left... e mai perdo questa convinzione!

Come e quando hai conosciuto il poker?
Ho sempre amato i giochi di carte e lo studio che richiedevano. Il poker, o meglio l'Hold'em, l'ho scoperto quando è diventato legale in Italia, apprezzandolo da subito e cercando di capire a fondo quanto fosse un gioco di fortuna e di abilità.
Così è iniziato un cammino che mi ha portato a fare di questo gioco la mia professione.
Lo scorso anno ho deciso di abbandonare il mio lavoro, gli amici e i colleghi per proseguire la scalata alla vetta del poker, e oggi sono qui, con tante convinzioni in più e voglia di vincere ancora tantissimo.

Cosa farai con il premio conquistato domenica scorsa?
Sono un professionista, quindi una buona fetta entrerà nel mio bankroll, l'obbiettivo sarà quello di giocare gli highstakes. Una fetta la si usa per festeggiare con gli amici, una fetta la si investe per la "pensione", una fetta in un viaggio, vista la stagione, e una percentuale la devolvo in beneficienza!

Perché ti piace questo gioco?
Il poker, ed è una delle facce che amo di più, è che esiste sempre un punto di arrivo, ma quando lo raggiungi ce n'è uno nuovo da raggiungere! Questa è la mia filosofia, questo ciò che amo! 

Progetti futuri?
Giocherò certamente online e proverò a superare me stesso.
Vorrei poter giocare qualche live in più, ma il bankroll per i tornei dal vio deve essere molto più grande del mio attuale. Sogno di fare bene in un IPT (sinora ho sempre collezionato amare giornate) e il sogno nel cassetto è vincere un European Poker Tour, dove finora ho subito la bad beat più amara della vita per un pot da chip leader nel day2... KK vs JJ allin su 2 3 2, turn 2... sick river J...

Qual è il tuo stile di gioco?
Sono un giocatore MTT, il mio stile è mio... mi piace molto pot controllare e gestire tanti piccoli piatti per far innervosire gli avversari  e portarli ad errori che mi regalino buona parte del loro stack.

Di solito a cosa giochi?
Qui viene il bello: adoro giocare a Omaha e studio con passioni le diverse varianti dell'Hold'em, che, ammetto, preferisco giocare Limit... purtroppo, per campare, ci si adatta!
Lo scorso anno mi ero molto concentrato sulle ICOOP, e lo farò anche alla prossima edizione, per vincere qualche titolo che sogno. Ho sfiorato il successo nel main event di Omaha, però mi sono ben piazzato nel torneo di HORSE e nel LIMIT. Qualche rimpianto, ma nel 2013 non si sbaglia più!

Perché ti piace il poker?
Il poker, quando lo capisci, non è diverso dalla vita: nel poker sei solo TU contro tutti, e vince il TU che è più forte.

Prova anche tu a conquistare il tavolo finale del Sunday Special: si gioca questa sera. E se ti piacciono i tornei, non dimenticare che sta iniziando il MicroFestival.