javascriptNotEnabled
Home / Video /

Leveluppare tramite l'''Approccio Freeroll'' (di Tyler Frost)


Il successo di un giocatore di poker, sopratutto quello del lungo periodo, ha molto a che fare su come un giocatore gestisce i suoi soldi, anche fuori dai tavoli. A parte il bankroll management standard (ovvero avere X buy in per un determinato livello), penso che un'altra cosa molto importante sia mettersi quantomeno nella mentalità di fare, in futuro, un level up, cosicché il proprio profit possa salire. Si può arrivare ad un punto in cui il livello del proprio comfort e soddisfazione di guadagno può essere abbastanza soddisfacente, al livello cui si gioca attualmente, che non si vogliono aggiungere dei rischi derivanti da un level up, e ciò è perfettamente comprensibile. Anche io sono stato "colpevole" di questo thinking process. Tuttavia, se siamo giocatori dei microstakes, è sicuramente nel nostro interesse salire di livello, sia per avere margini di profitto più ampi, sia per per sfruttare il vip system.

tyler-frost-online.JPG

Quando si parla di tentare per la prima volta l'approccio ai tavoli di un livello più alto, mi piace farlo nel modo che viene chiamato "approccio freeroll". Questo tipo di approccio prevede la vincita, al livello cui si gioca attualmente, di un certo numero di buy in del livello superiore che vogliamo shottare. Ad esempio, recentemente avevo deciso di provare a shottare il NL200, quindi ho vinto 5 buy in (1000€) al livello cui giocato (il NL100) e li ho usati per "freerollare" il NL200. Ovviamente, il numero di buy in che vogliamo avere dipende da noi. 5 buy in è chiaramente parecchio aggressivo e ad alto rischio di varianza, ma dall'altro lato può garantire il level up abbastanza velocemente, nel caso in cui funzioni. Nel caso in cui non funzioni...Beh, questo è il bello dell'"approccio freeroll". Non abbiamo perso un solo centesimo del nostro bankroll originario! Un altro beneficio di questo approccio è che, per fare questo tentativo, dobbiamo vincere i buy in al livello che giochiamo attualmente, e quindi possiamo essere abbastanza sicuri di poter dire che, quel livello, lo battiamo. Se, invece, al livello che giochiamo siamo break even, lo shot al level up ci costerà sicuramente del denaro, e sicuramente non potremo dirci pronti per giocare il livello successivo.
Questo tipo di approccio è essenzialmente un approccio che porta pochi rischi e grandi compensi. Potrebbe anche non dare risultati immediati, o che la varianza ci rimandi subito al nostro livello (questo dipende anche da quanti buy in decidiamo di portarci) ma, se utilizzato correttamente, di sicuro il nostro bankroll non verrà intaccato minimamente, nel caso peggiore.
Chiaramente, questo non è uno di quegli approcci che possono esattamente definirsi matematici o scientifici, ma se vogliamo provare un breve shot ai livelli superiori (per testare il field, per metterci alla prova ecc.), probabilmente questo è il metodo che stavamo cercando.

In bocca al lupo ai tavoli!
 

Tratto da pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88

Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso