javascriptNotEnabled
Home / Video /

Le origini del gioco d’azzardo e l’evoluzione dei giochi...

 
Questo è un excursus in tre parti della storia del gioco d'azzardo e del suo sviluppo durante i secoli. Vi presento oggi la prima parte, dalle origini fino a circa il XII secolo. Buona lettura!

Nel 3000 A.C., i cinesi e in seguito europei e medio orientali scommettevano per soldi e per divertimento, mentre nella mitologia greca una partita a dadi scatenò liti tra gli dei, le prime regole scritte di questo gioco si possono trovare nella letteratura indiana e nei geroglifici egizi, da alcune scoperte e ritrovamenti i primi a scolpire un dado a sei facce regolari furono proprio gli Egizi, più o meno intorno al 2000 A.C
La Cina fu sicuramente una culla per il gioco e la diffusione in questa area venne rapidamente, nel 500 A.C. i giochi da tavolo erano già presenti e sono stati i precursori delle scommesse sportive su combattimenti e gare, sia di uomini che di animali
L'invenzione della carta, in Cina, nel primo millennio ha permesso il progresso dei giochi più complessi, ma anche di giochi trasportabili e leggeri, quindi maneggevoli, arrivando all'invenzione delle carte…
 
Intanto nel nostro continente, dopo la caduta dell' impero romano, fine V° secolo, ci fu un periodo di regressione, in quasi la maggior parte del mondo,  e questa regressione colpì anche i giochi , tranne che in Asia, dove continuarono a crescere e cambiare grazie all'invenzione della carta.
 
Nell'Europa del Medioevo i popoli scarsamente civilizzati avevano invaso l'ex impero Romano, e fu un periodo tetro, dove il divario tra ricco e povero faceva la differenza anche nella tipologia dei giochi e ai nobili erano riservati i giochi più complessi, perché erano anche gli unici che avevano tempo e soldi da spendere.
Il gioco dei dadi rimase il più diffuso nei ceti bassi perché era tra i più economici da reperire e da trasportare, e l'azzardo è da collocare più o meno in questo periodo, le maestose olimpiadi dell'impero Romano vennero sostituite da combattimenti dei galli, e qui il ceto basso scommetteva, oltre che con i dadi.
 
Il primo mazzo da gioco viene collocato nel X° secolo, tracce in Cina, e da qui iniziò la diffusione, passando dall'India, medio oriente, poi con le prime crociate all'inizio dell'XI° secolo arrivò anche nel nostro continente con i soldati, che portarono anche altre invenzioni sempre dall'oriente. Il gioco delle carte fu il principale.
Alla fine del XIV° secolo le carte erano fatte artigianalmente, ma sostituirono lo stesso la maggior parte dei giochi, ma nel 1440 con l'invenzione della pressa tipografica ci fu la produzione di serie, la pressa tipografica rivoluzionò i giochi, potendo stampare anche le regole e portandole alla visibilità anche dei ceti meno abbienti, facilitando lo sviluppo in maniera esponenziale.
Lo sviluppo del gioco avvenne alla fine del sistema feudale, dove le condizioni di vita delle popolazioni migliorarono portando più benessere e cultura.
Nel rinascimento, dal XIV al XVII secolo lo sviluppo dei giochi raggiunge altri livelli, ancora adesso la maggior parte dei giochi dei casinò ha avuto inizio in questo periodo, compreso lo sviluppo e l'affermazione dei giochi con le carte.
Anche il poker nasce in questo periodo storico.
 
Nota storica: Il primo casinò fu quello di Venezia, li nella laguna da oltre 4 secoli, dal 1638, sicuramente se non il primo il più antico ancora attivo.
 
Continued…..

By Dosawi
 
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso