javascriptNotEnabled
Home / Video /

La linea rossa nel cash-game: non-showdown winnings


La linea rossa di holdem manager 'non-showdown winnings' rappresenta le vincite senza showdown.
Riuscire ad avere una bella rossa non è facile, né dipende solamente da voi. Infatti x farla diventare positiva bisogna far foldare l'avversario, quindi se gli avversari sono calling stations (come ai micro-low stakes) che vanno sempre allo showdown, sarà più difficile per voi avere una rossa positiva (anche se la blu, dello showdown winnings, sarà molto alta). Al contrario, se il vostro avversario è molto chiuso, la vostra rossa salirà per tutti i bui che potrete rubargli.
 
Detto questo, quindi, capirete che è perfettamente normale ai microstakes avere la rossa leggermente negativa (meglio se break even): vincerete tantisimo giocando per valore e arrivando sempre allo showdown, senza bisogno di bluffare tanto per far foldare l'avversario. Salendo oltre il NL50 però troveremo molti regulars che giocano mani piuttosto solide, quindi non riusciremo a vincere sempre allo showdown. E' proprio qui che comincia ad esserci il bisogno di bluffare, di far foldare all'avversario mani migliori della nostra, di cominciare a lavorare sulla rossa.
 
Come funziona la linea rossa?
 
La maggior parte dei players pensano che la linea rossa dipenda dai bluffs e quando ce l'hanno bassa tentano di rimediare bluffando di più. In realtà questo  fa bene alla rossa perché fa foldare gli avversari, ma cerchiamo di non diventare dei maniac del bluff perché ci sono altre cose collegate alla linea rossa.
 
Innanzitutto la valuebet: se pensate che la valuebet faccia alzare solamente la linea blu, vi sbagliate. Diciamo che al river pensate di avere la mano migliore il 75% delle volte: se checkate, il 75% delle volte il pot andrà alla vostra showdown winnings mentre la linea rossa rimarrà stazionaria; se invece valuebettate e venite chiamati tipo 40% delle volte, sarete buoni il 30% delle volte, mentre il 10% perderete il piatto, però il 60% delle volte l'avversario folda, e quindi il pot va alla non-showdown winnings.
 
Anche il bluff-catching aiuta la rossa: quando chiamate con questa intenzione, probabilmente vincerete solo il 40% delle volte (la blu salirà mentre la rossa rimarrà stazionaria), mentre il 60% delle volte perderete il pot (la blu si abbasserà). Se aveste foldato invece di chiamare però, perdete il pot 100% delle volte e la linea rossa scenderebbe.
Altra cosa importantissima: i resteal. Che siano 3bet o 4bet, se riuscite a far foldare pre-flop l'avversario la rossa sale. Guardate bene le statistiche dell'avversario (3bet, fold to 3bet, 4bet, ecc) e non abbiate paura di resteallare light, specialmente con mani che contengano blockers: Ax (meglio se suited perché se venite chiamati avete quel pizzico di equity in più), KQ, KJ, ecc.
 
Ovviamente giocare solamente per alzare la linea rossa non avrebbe senso: quando giocate pensate solo a rendere le vostre giocate profittevoli nel lungo periodo. Tenendo però a mente questi piccoli tip, vedrete che la rossa salirà spontaneamente.
 
Ciao a tutti!
 
Giada Fang
 
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso