javascriptNotEnabled
Home / Video /

La donkbet (parte 1)

Giocare una mano fuori posizione rende le nostre decisioni più difficili. Tuttavia, ciò non significa che non possiamo usare qualche trucchetto per fare in modo da trarre il massimo vantaggio quando leghiamo una buona mano.
 
In questo articolo parleremo di come poter sfruttare il fatto di essere fuori posizione rispetto al nostro avversario ed usare questa situazione a nostro vantaggio per massimizzare le vincitecon una mano forte al flop.
 
Esempio di donkbet
Ammettiamo di essere seduti ad un tavolo in cui chiamiamo il raise di un avversario mentre siamo fuori posizione, e di giocare il piatto in heads up.
 
Idealmente, non si tratta di una situazione ottimale e in cui ci ritroveremo spesso, perché abbiamo chiamato il raise del nostro avversario sapendo che saremo fuori posizione per tutto il resto della mano. Quindi, se ci ritroviamo in questa situazione, probabilmente significa che abbiamo una buona mano - o una mano speculativa come pocket pair o suited connector.
 
Al flop
Quando arriviamo al flop, la giocata standard è quella di checkare per fare in modo che l'original raiser possa effettuare la sua cbet, indipendentemente dal fatto che abbiamo legato o meno una buona mano.
 
Lo facciamo principalmente perché vogliamo vedere la reazione del preflop raiser dopo il nostro check, e la maggior parte delle volte la mano proseguirà in maniera standard, con il nostro avversario che effettua la sua cbet - anche in questo caso, molto spesso indipendentemente dalla forza della sua mano.
 
Ovviamente, se non abbiamo legato niente folderemo la nostra mano; tuttavia, se abbiamo legato una buona mano, la maggior parte delle volte giocheremo in check-raise per ingrandire le dimensioni del piatto. Se ci fermiamo un attimo a pensare, però, possiamo renderci conto che stiamo perdendo valore.
 
Effettuando un check-raise, infatti, possono verificarsi due situazioni:
- Il nostro avversario folderà le sue mani deboli o mediocri;
- Il nostro avversario ci chiamerà, con la consapevolezza che abbiamo una buona mano.
 
È vero, magari potremmo anche bluffare, ma si tratta di una giocata rischiosa, ma comunque il nostro avversario non sarebbe disposto a giocarci contro con una mano mediocre. Di conseguenza, la maggior parte delle volte che effettueremo un check-raise, la mano si chiuderà al flop, negandoci la possibilità di estrarre ulteriore valore nelle strade seguenti.
 
Come poter massimizzare il valore di queste mani, allora? Effettuando una donkbet. Nella prossima parte dell'articolo spiegheremo come utilizzare al meglio quest'arma per aumentare il nostro guadagno orario.
 
Tratto da www.thepokerbank.com
Tradotto da Marcellus88
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso