javascriptNotEnabled
Home / Video /

La Continuation-Bet: parte II

Dopo aver valutato quali flop sono adatti ad una continuation-bet e quali size fare, lo step successivo è l'analisi dell'avversario coinvolto. Ci sono infatti diversi tipi di gioco, alcuni contro cui è profittevole c-bettare, altri no.
 

Innanzitutto, le statistiche più importanti da guardare in un giocatore sono VP$IP e PFR. Il VP$IP è il "voluntarily put money in the pot", cioè i soldi messi volontariamente nel piatto preflop, ossia quante mani gioca questo player. Il PFR invece è il "preflopraise", cioè quante volte il player entra nel piatto rilanciando.

I giocatori posso essere suddivisi, in base alla loro aggressività, nelle seguenti categorie:

Tipo 1: VPIP < 13, PFR < 4. Questo tipo di player entra in pochi piatti e quasi esclusivamente con mani premium. Quasi sicuramente non va avanti se non hitta (hittare = legare qualcosa) il flop, per cui dovrete c-bettare quasi tutti i flop.

Tipo 2: VPIP 26-40, PFR <5. Questo tipo di player entra in molti piatti, ma passivamente, per cui potete tranquillamente c-bettare ma rinunciare se trovate resistenza.

Tipo 3: VPIP < 22, PFR < 6. Questo tipo di player gioca un poker solido ma piuttosto elementare, quindi abbastanza prevedibile. Su questo tipo di player si può mettere pressione cbettando spesso per testarlo.

Tipo 4: VPIP > 40, PFR < 6. Questo tipo di giocatore non molla facilmente il pot: in genere chiamano anche avendo legato poco, sperando che rinuncerai al turn e che il loro A carta alta sia buono. Quando decidi di c-bettare quindi, dovrai essere pronto a lanciare una second-barrel.

Tipo 5: VPIP > 60, PFR < 12. Questo è un giocatore maniac, che entrerà in tantissimi pot. Contro di lui la c-bet è inutile perché tenderà a chiamare anche avendo legato la bottom pair al flop. Aspettate quindi la mano giusta per togliergli tutto lo stack. Se volete c-bettare anche avendo missato il flop, fatelo con overcards o con mani che hanno molti outs (outs significa le carte che devono essere ancora girate al turn e al river) per migliorare.

Tipo 6: VPIP > 40, PFR <2. Questo tipo di player è una vera calling station. Se non hittate sicuramente non dovete c-bettare perché questo tipo di player chiamerà praticamente con tutto. Inoltre non bluffano mai per cui se punta o rilancia non avete speranza di farlo foldare.

Il successo della c-bet dipende non solo dal tipo di avversario, ma anche dal vostro stile di gioco, in particolare in quel tavolo. Se siete giocatori solidi, che non rilanciano un gran numero di mani, le vostre c-bet saranno sicuramente più rispettate. Se raisate solo monsterhands (3% delle mani) dovreste cbettare 95% delle volte quando missate. Se raisate 4-10% delle mani dovreste c-bettare 80% delle volte in cui missate, se raisate più del 10% delle mani c-bettate 70% delle volte. Mixate anche le size tra ¾ e 2/3 del piatto, sia se legate sia se missate.

La prossima volta vedremo come comportarsi al turn se la nostra continuationbet viene chiamata.

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso