javascriptNotEnabled
Home / Video /

L'importanza della fold equity (parte 1)

 L'importanza della fold equity (pt 1)

 

Nb: l'esempio è puramente indicativo e di fantasia, quindi non soffermiamoci a guardare le size o qualsiasi altra cosa. Ci serve solo per la matematica che ne seguirà.

 

Stiamo giocando al Foxwoods, NL1/2. Davanti a noi abbiamo uno stack di $100, e l'avversario (UTG) di questa mano ci copre.

UTG apre a $15, e chiamano altre 4 persone. Noi siamo sul BB, e decidiamo di entrare nel piatto con .

Al flop ($90) scendono:

Abbiamo $85 dietro. SB checka.

 

Adesso, tutti girano le loro mani, e vediamo che non hanno assolutamente nulla. Sappiamo che folderanno a qualsiasi puntata. L'unica eccezione è il preflop raiser, UTG, che ha .

 

UTG ci guarda e dice: "Se checki, vado all-in. Se vai all-in, puoi dirmi se devo foldare o chiamare, ed io lo farò." Gli crediamo.

 

Adesso, ammettiamo di avere un calcolatore di odds nel nostro smartphone, e scopriamo di avere il 63% di equity in questo piatto. Abbiamo la mano migliore, quindi decidiamo di andare in all-in. La domanda è: gli diremo di chiamare o di foldare?

 

Pensiamo un minuto alla risposta da dare a questa domanda, perché è davvero importante.

La risposta, ovviamente, è che vogliamo che foldi.

 

Andiamo a vedere i due scenari, iniziando dal call.

 

Chiama

Mettiamo dentro i nostri rimanenti $85 su un piatto di $90, e riceviamo il call. In questo modo, il piatto diventa di $260. La nostra pot equity è del 63%, quindi la nostra EV sarà (0.63)260 = $163.8, per un profit totale di 163.8 – 85 = $78.8. Non male, ma vediamo cosa succede se l'avversario dovesse foldare.

 

Folda

Se l'avversario folda, vinciamo sempre $90 grazie alla nostra bet di $85. Quindi, la nostra EV quando folda è di $90. Ovvero, più di quanta sia l'EV se dovesse chiamare, nonostante parta sotto. Ma come può essere? Perché essere chiamati da sotto è una brutta cosa per noi?

 

Innanzitutto, dobbiamo cercare di capire se il nostro avversario sta facendo una giocata +EV o -EV. In questo caso, la sua giocata con AKs è una giocata +EV, quindi, anche se guadagnamo soldi, preferiamo che faccia un errore e foldi. Si tratta di una situazione davvero interessante: sia il nostro push che il suo call sono giocate +EV. Il motivo è semplice: è perché, teoricamente, andremo a dividerci i soldi che sono già nel piatto. Vero, in questa mano particolare, a noi spetterà una fetta più grossa di quei soldi, ma matematicamente non ci spetterà nulla dei restanti soldi che metterà nel piatto.

 

In pratica, si tratta del piatto che si è già creato nel preflop. In che senso?

Lo vedremo nella prossima parte dell'articolo, dove verrà riportato un esempio simile – e stavolta reale – che servirà a spiegare meglio questo concetto.

 

Tratto dal forum twoplustwo

Tradotto da Marcellus88

Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso