javascriptNotEnabled
Home / Video /

Intervista a Filippo Candio: La grande speranza del Main Event Wsop 2010

 
Las Vegas - Al termine del Day 4, abbiamo raggiunto il grande Filippo Candio, che con estrema disponibilità, ci ha dedicato il suo tempo, poche ore dopo la chiusura della sua impegnativa giornata di gioco.

 
Intervista a Filippo Candio: La grande speranza del Main Event
Wsop 2010 thumbnail

 
Questo giovane sardo, sta facendo sognare tutti gli appassionati di poker, che ogni giorno seguono le avventure di quello che è l'evento con E maiuscola: il Main delle Wsop 2010.

Filippo si sta comportando in modo lodevole e in questa complessa giornata è riuscito ancor meglio ad esprimere la parte più riflessiva della sua testa matta, proprio a far intendere di che stoffa è fatto.

Ora però spazio alla sue parole.

Filippo, stai andando veramente alla grande, continua la tua corsa alla conquista del tavolo finale pur perdendo qualche posizione rispetto alla giornata di ieri, ti riconfermi in gara, bello attivo. Come è andata?
Diciamo che il torneo è appena iniziato. Quello di oggi è stato sicuramente il tavolo più duro che mi sia capitato fino ad ora, estremamente difficile con dei giocatori super duri. I più noti Sam Farha che era il mio Big blind, Cristian Harder alla mia destra, poi un giocatore di Heads up molto forte e anche sullo Small Blind due giocatori estremamente complessi. Mi sono spinto fino a 1200, ma poi sono sceso, sempre cercando di imporre il mio gioco.

Dopo questa grande performance, assapori un po di rivincita nei confronti di chi non ha creduto in te e dopo PokerStars, non si è proposto con una sponsorizzazione?
Assolutamente no, sono cose che capitano ed io sbagliai al tempo. Nella vita c'è sempre una battaglia da combattere, per ognuno di noi, nessuno ne è escluso. Nel mio caso non c'è non c'è nessuna rivincita, nessun nemico da sconfiggere, per me ora, in questo momento c'è solo un torneo da giocare con 575 persone rimaste. L'unico obiettivo: quello di spingermi sempre più in alto, siamo solo all'inizio.

Dopo queste tue giornate vittoriose è quasi sicuro che qualche poker room ti chieda di far parte del suo team, se arrivasse da PokerStars?
Se dovesse mai accadere ci penserò.

Tu sei un giocatore molto spontaneo e schietto , possiamo definire il tuo carattere alquanto istintivo. Come fai a mantenere la concentrazione per così tante ore e poi esplodere in manifestazioni di pura esaltazione con lo stesso no chalance, addirittura in diretta mondiale?
Per quanto riguarda le emozioni sono abituato, quando gioco mi sento a mio agio, sono apposto. Sono abituato a giocare eventi grossi e quindi non mi fa differenza la quantità di gente. L'importante è rimanere il più sereni possibili e concentrati sulle carte, i giocatori e il gioco.

Senti Filippo parliamo di emozioni in generale, che fai per stare calmo e come ti stai preparando per le prossime conquiste?
Ti dirò che cerco di seguire una routine identica, ogni giorno faccio più o meno le stesse cose e proprio per rimanere concentrato. Sono due mesi che sono qui dentro e mi sono ormai abituato. Vivo poco l'esterno, fuori ci sono 60 ° e quindi la giornata si svolge quasi totalmente dentro al casinò, giocando,  a parte qualche pausa sigaretta ogni 2 ore circa .
Cara Chiara se ora, non hai altre domande io me ne andrei a dormire.

Ovviamente si. Il riposo del guerriero è sacro e lasciamo Filippo con l'impegno di risentirci al più presto con nuove impressioni.





Fonte: www.agicops.com
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso