javascriptNotEnabled
Home / Video /

In mezzo al bianco (di Angel Guillen)


Non mi capita spesso di viaggiare senza pensare al poker. Capita che vada a vedere qualche attrazione turistica, vada fuori a bere/mangiare o a fare altre cose che si fanno in viaggio, ma ad un certo punto della giornata prendo il pc ed inizio a giocare un po' online. Scommetto che molto giocatori di poker lo fanno.
Non dico che il poker sia la mia vita, ma ci penso moltissimo, anche quando non gioco. Ecco perché il mio viaggio a New York, lo scorso Dicembre, è stato, in un certo senso, "rinfrescante". E' stato il primo viaggio, dopo parecchio tempo, in cui non ho praticamente pensato mai al poker.
Mi ha ricordato delle vacanze che facevo da piccolo con i miei genitori. Andavamo spesso in una delle più belle spiagge del Messico. Altre volte, andavamo a Las Vegas, New York o Miami. Erano vacanze brevi, duravano meno di una settimana, solo per rilassarci. Avevo dimenticato come ci si sentiva in vacanza senza pensieri lavorativi.
A Dicembre, ho finalmente ricordato questi viaggi. Non giocare a poker mentre ero a New York mi ha fatto riscoprire il "vecchio" me, un ragazzo che si gode la vacanza e si rilassa senza alcun tipo di pressione. Mi ha fatto capire che devo riuscire a separare le vacanze dai viaggi di poker, anziché unire le due cose. Separandole, posso concentrarmi sul fare quello che devo fare, farlo nel migliore dei modi e divertirmi di più.
Per quanto riguarda New York, cosa posso dire? E' un posto fantastico. Ci sono andato con la mia ragazza. Abbiamo mangiato ogni giorno veramente bene, visto il divertente show di Broadway "The book of Mormon" (adoro i musical), passato del tempo di qualità con dei buoni amici.

angel_guillen_lynn_gilmartin.jpg

Complessivamente, è stata un'esperienza diversa dalle altre che ho passato negli Stati Uniti. In Messico, le persone sono sempre molto socievoli. E' molto comune. Negli States non ho notato lo stesso livello di ospitalità molto spesso. Ma questa volta (forse perché era Capodanno) c'era qualcosa di diverso. Erano tutti molto amichevoli, si divertivano e sorridevano. Ciò mi ha fatto sentire come se fossi a casa.
La miglior parte del viaggio è stata quando eravamo al Central Park, con me coperto come se fossimo al Polo Nord. E' stato il mio primo viaggio a New York in inverno, e la prima volta che ho provato un vero inverno in una grande città. In Messico, l'inverno non è nulla di comparabile a quello di New York. Da noi, quando fa veramente freddo arriviamo ad avere 8°. E di certo non nevica.
Ma qui, la mia ragazza ed io stavamo tranquillamente passeggiando nel grande parco di una città immensa in un giorno freddo nel bel mezzo dell'inverno. Appena siamo passati davanti ad un uomo che suonava il sassofono, ha iniziato a nevicare. Tempismo perfetto! Sono rimasto li, ascoltando il sassofonista e sentendo la neve cadermi in viso, senza pensare assolutamente a nulla. E' stato un momento magico.
Forse può sembrare sdolcinato. Ma quel momento è stato il riassunto perfetto della mia settimana a New York. Sono sempre in viaggio assieme alla mia ragazza, viaggiando per i tornei di poker o giocando online. Prendere una settimana per spegnere i nostri cervelli e disconnetterci da tutto, e pensare solamente a rilassarci era esattamente quello che ci voleva.

 
 
Tradotto da Marcellus88

Fonte:www.pokerstarsblog.com/team_pokerstars_blogs/angel_guillen_1/2013/whiteout-126328.html

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso