javascriptNotEnabled
Home / Video /

Imparare ad insegnare (di Christophe De Meulder)


La vita è bella. Sono appena tornato dalla Riviera Francese, dove sono stato in vacanza con la mia ragazza dopo essere stato per cinque settimane a Las Vegas per le WSOP. Mi sono rilassato molto, e il poker è stato totalmente messo da parte.
Adesso sono tornato in Belgio, e devo pensare nuovamente al poker, non solo a migliorare il mio ma anche quello degli altri. Era da un po' che pensavo di aiutare i miei colleghi di poker in Belgio a migliorare il loro gioco, compreso un contest per coachare qualcuno.
Mio fratello Matthias ed io abbiamo, nel nostro appartamento, quello che si potrebbe definire un "ambiente pokeristico". Ci sono ovunque schermi per pc, ed ovviamente si gioca molto. Abbiamo iniziato ad invitare altri giocatori per offrire loro coaching ed aiutarli a migliorare, provando a fare una sorta di "campeggio pokeristico" per tre giorni, ed è stato molto divertente fino ad ora.
Parlare di poker e provare a comunicare le proprie idee riguardo al giochino è d'aiuto non solo per gli studenti, ma anche per se stessi, perché ci costringe a pensare ai concetti di cui si parla in un modo diverso e da una prospettiva diversa. Insomma, anche noi stiamo traendo beneficio da questa esperienza.

christophe_de_meulder_coaching.jpg

Per poter coachare qualcuno, devi avere una conoscienza totale di quello che stai spiegando. Devi essere pronto a rispondere a qualsiasi domanda, e non farti trovare in situazioni in cui potresti non conoscere la risposta a qualche dubbio.
Un errore commesso da molti giocatori è giocare tantissimo senza riflettere sui cosa stanno facendo, ed a che tipo di studio è necessario per raggiungere un livello superiore. Questo vale sia per il poker, sia per qualsiasi altra cosa, l'aiuto di una persona che ne sa più di noi è fondamentale per migliorarci.
Matthias ed io, fino ad ora, ci siamo divertiti molto con questi coaching, ed adesso stiamo pensando di ingrandire quest'idea e di creare un nostro sito. Abbiamo già pensato a qualche strategia di studio per i giocatori che vogliono iniziare, per quelli avanzati e per gli esperti, sviluppando diversi approcci in base ai diversi gruppi.
L'unico possibile problema del coaching è di formare giocatori che, più avanti, ti ritroverai ai tavoli e contro i quali perderai. Ma penso che i vantaggi del coaching superino questo potenziale azzardo, sia perché contribuiamo ad aumentare il livello della competizione, sia perché, come ho già detto, il coaching aiuta anche l'insegnante, non solo lo studente.
Ci sono già molti buoni giocatori in Belgio. Ce ne sono due che hanno ottenuto il loro secondo braccialetto WSOP quest'estate – Davidi Kitai e Michael Gathy – ed altri giocatori che hanno fatto benissimo alla scorsa stagione dell'EPT. Ma il Belgio non è ancora ben rappresentato nella scena europea, e noi vogliamo cambiare questa situazione. Possiamo migliorare ancora molto.
Quindi, attento poker mondiale: il Belgio sta arrivando!

 
Tratto da Pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88

Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso