javascriptNotEnabled
Home / Video /

Il divorzio di Phil Ivey diventa un caso politico

L'ex moglie di Phil Ivey  ha presentato una petizione alla Corte Suprema del Nevada per ricusare il giudice che si è pronunciato sulla causa di divorzio della coppia nel 2010,  perché Ivey è stato coinvolto nella campagna per la rielezione dello stesso giudice con cospicui versamenti di denaro.
 

Luciaetta Ivey ha sostenuto che la donazione della superstar del poker al giudice della Corte ,Bill Gonzalez ,rappresenterebbe una scorrettezza nei suoi confronti e metterebbe Ivey in posizione preferenziale di fronte alla Corte.  Nella petizione si legge: "Il pubblico ha il diritto di sapere che l'imparzialità è la regola per la magistratura"; inoltre, la Signora Ivey ha il diritto all'equità  ed alla correttezza di fronte a questa Corte e la ricusazione è l'unico modo per essere sicuri di ottenerle entrambi".
 
Il caso ha sollevato molte polemiche negli Stati Uniti ,dove è abitudine finanziare le campagne elettorali , circa il coinvolgimento di personaggi famosi con l'ambiente giudiziario e sembra che le richieste dell'ex-moglie del "Tiger Woods del poker" potrebbero essere accolte dopo che sul caso sono intervenuti alcuni giuristi a sostegno della sua tesi.

La legge del Nevada stabilisce, infatti, che "un giudice venga ricusato quando l'imparzialità dello stesso potrebbe ragionevolmente essere messa in discussione" ed il caso sembra proprio questo. Ivey è stato sempre molto attivo nell'ambiente politico e giudiziario e l'esposizione mediatica del personaggio ha contribuito ad un nuovo coinvolgimento del vincitore di tanti eventi delle WSOP in questa vicenda spiacevole.
 
Ovviamente le ragioni di questa battaglia legale sono tutte economiche e come per i comuni mortali anche per Phil Ivey si prospettano settimane non proprio piacevoli; dopo il Black Friday, Ivey deve affrontare le richieste dell'ex-moglie ed uno stop forzato dai tavoli verdi deciso proprio dopo lo scandalo che interessa la room che lo patchava. Il giocatore Statunitense si è infatti rifiutato di partecipare alle ultime World Series of Poker come forma di protesta contro il mancato rimborso ai giocatori della piattaforma che lo sponsorizza anche se ora i maligni sospettano che Phil Ivey abbia solo voluto tutelare i propri interessi economici.
 
Fonte: Agicops
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso