Una mano può decidere la storia di un giocatore di poker.

Il Mini IPT non è la finale WSOP, ma ogni risultato è importante per il percorso e la carriera da professionista.

Mustapha Kanit, partito dietro per il testa a testa finale si fa sotto e supera di poco il rivale prima che una mano decida il Mini IPT di Malta quando nessuno se lo aspetta in una situazione di assoluto equilibrio.

Mustapha Kanit vince il titolo con chiamando l'all-in in forbet preflop di Sami Lepisto che si presenta con per uno spot dominato che lascia comunque spazio a un pò di suspence sul board .

La gioia del giovane campione è evidente. Vincere in rimonta ha sempre un gusto maggiore.

kanit_winner_miniipt.JPG

Mustapha Kanit trionfa al MIni IPT di Malta

Ma la storia di questo appuntamento viene disegnata da otto giocatori inizialmente.

Il Final Table del Mini IPT conclude la settimana di poker nella calda e accogliente Malta.

L'atto conclusivo parte con gli otto finalisti alle 16.15 dai bui 2.500-5.000, ante 500 del livello 17.

Dopo nemmeno un quarto d'ora in una guerra di bui Kanit raddoppia su Spagna.

"Mustacchione" apre da small blind con a 13.500 e Spagna tribetta da big blind con a 29.500. Kanit "no fear" pusha per 160.000 e Spagna decide di chiamare.

Il board fa salire in alto il giovane talento e accorcia stack e ambizioni di Spagna che si vede scavalcare nel chipcount dal rivale.

Il gioco non è per nullo violento e i giocatori si studiano.

Il più corto di tutti è Angelo "mirco313" Patane che, però, verso la fine del livello 17 trova il raddoppio quando pusha per 36.000 da middle con 10-10 sull'openraiser da UTG Diego Spagna che lo chiama con A-K. Il board 10-A-7-4-9 fa respirare il giovane e promettente siciliano.

Tuttavia il destino sembra segnato quando sui bui 3.000-6.000, ante 500, Giordano apre a 16.000 da bottone con e Angelo Patane manda da small blind per 65.000 con . Giordano chiama per un board ricco di capovolgimenti con che ferma il siciliano in ottava piazza.

Patane_Manuel Kovsca DSC_3536.jpg

Angelo Patane, 8° classificato

Sempre Giordano si fa carico di eliminare Diego Spagna in una guerra di bui quando Spagna apre da small blind con per il call di Giordano con .

Sul board i due finiscono ai resti e il river chiude le porte al 7° posto per Diego Spagna.

Spagna_Manuel Kovsca DSC_3555.jpg

Diego Spagna, 7° classificato

Mustapha Kanit prende dei bei piattini su Sfameni e sale ancora, inseguendo Giordano nella leadership e poi superandolo quando elimina al 6° posto lo straniero Nikolay Tsanev che manda da short con A-J chiamato dal nostro con 6-9 per un magico 9 al turn sul board 4-10-K-9-10.

Manuel Kovsca DSC_3563.jpg

Nikolay Tsanev, 6° classificato

La fase a cinque vive fasi di stanca in cui, tuttavia, emerge la maggior aggressività e decisione di Kanit che prende il largo prima della pausa cena con oltre il doppio dello stack rispetto ai rivali.

Alla ripresa dopo la pausa cena, Giovanni Chianetta subito, pushando in forbet con e trovando il call del finlandese Lepisto con .

Il board taglia dai giochi Giovanni Chianetta al 5° posto.

Chianetta_Manuel Kovsca DSC_3549.jpg

Giovanni Chianetta, 5° classificato

Il gioco si fa duro e la tensione al tavolo sale con Kanit che tra un piatto vinto e uno perso mantiene la leadership con margine e addirittura incrementa sfondando il muro del milione quando elimina al 3° posto in uno scontro tra bui Mario Sfameni.

Sfameni apre da piccolo buio a 42.000 con e Kanit di grande buio pusha con per le 230.000 del rivale che chiama.
Il board fa salire Kanit a quota 1.056.000 contro le 659.000 di Luigi Giordano e le 460.000 del finlandese Lepisto.

Sfameni_Manuel Kovsca DSC_3543.jpg

Mario Sfameni, 4° classificato

Nel corso del livello 21, bui 6.000-12.000, ante 7.000, Kanit si suicida in uno scontro tra bui col finlandese Lepisto che raddoppia grazie a un colore al turn pagato per i massimi da Kanit.
Preflop Lepisto apre da small blind a 29.000 con e Kanit chiama da big blind con .
Al flop i due fanno check e si arriva al turn dove il finlandese fa check, Kanit punta 60.000 subendo il rilancio a 200.000 di Lepisto. Kanit opta per il call e sul river paga il push de finlandese per 255.000 scendendo a 530.000 contro 973.000 del finlandese.

Kanit sembra avere un momento di cedimento quando cede un paio di piatti anche a Giordano e poi passa la coppia sul board contro il finlandese che al river lo pusha per la seconda volta.
Ma il giovane talento non demorde, si tiene a galla e trova il raddoppio con K-K contro J-J di Lepisto in all-in preflop che lo riporta sul trono virtuale del torneo.

La leadership ritorna al finlandese Lepisto quando elimina l'altro azzurro Luigi Giordano al 3° posto.

La mano fatale arriva sui bui 8.000-16.000, ante 2.000 quando Giordano apre da bottone a 40.000 con e Lepisto di small blind tribetta a 170.000 con .
Giordano decide di pushare per 586.000 e il finlandese, dopo averci pensato un pò, chiama per vincere il colpo sul board .

giordano_miniipt_3.JPG

Luigi Giordano, 3° classificato

Il testa a testa finale parte con il finnico a 1.289.000 gettoni contro le 886.000 chip dell'azzurro.

hu_miniipt.JPG

Heads Up finale

Lepisto prende subito un piatto importante e distanzia maggiormente Kanit.

Manuel Kovsca DSC_3541.jpg

Sami Petteri Lepisto, 2° classificato

Tuttavia il ravennate è abile nel mettere pressione e rimontare il rivale scavalcandolo e giungendo alla vittoria che gli vale 24.000€ e la leaderboard nella classifica Mini IPT.

Per maggiori dettagli sul Final Table potete sfogliare i seguenti link:

Livello 17 e 18
Livello 19 e 20
Livello 21, 22 e 23

Classifica e Premi Mini IPT