misterD77 -

L'alba è alle porte in quel di Malta e, nonostante la stanchezza e l'orario, sicuramente ci sarà da festeggiare per il vincitore.

Il nuovo campione IPT alza le braccia al cielo per poi riabbassarle verso l'assegno da 190.000€ che non rivoluziona la vita, ma di certo la agevola.
Michal Polchlopek, tradisce un sorriso dopo un tavolo finale condotto con la massima concentrazione e cattiveria agonistica.

La Picca è sua grazie alla vittoria finale su un degno rivale come Oleksandar Sharov.

Manuel Kovsca R DSC_3725.jpg

Michal Polchlopek, trionfa all'IPT di Malta

Il Final Table comincia nel peggiore dei modi possibili per il tricolore, con l'azzurro più skillato ed esperto, Sergio Castelluccio, che subisce ripetutamente i tribet e i push dei rivali stranieri, soprattutto dell'ucraino Sharov che sale ai danni dell'azzurro.

La mano che distrugge le velleità del campano, però, arriva quando Castelluccio si trova ai resti preflop con 9-9 contro 10-10 di Basilio Cipriano che raddoppia sul board nullo e lascia meno di 200.000 chip al campano.

All'inizio del livello 23, bui 10.000-20.000, ante 2.000, Polchlopek apre da bottone con a 48.000 e Sergio Castelluccio di small blind pusha per 162.000 con , chiamato dal polacco che pesca sul board ed elimina in ottava piazza il nostro rappresentante.

Manuel Kovsca R DSC_3398.jpg

Sergio Castelluccio vede sfumare presto il sogno di ripetersi all'IPT

La fase a sette si prolunga molto, con gli azzurri che non riescono a trovare spazio, fatto salvo un raddoppio con A-K di Cipriano contro Q-Q di Sharov.

Roberto Tassi non vede carte e non gioca un colpo, consumandosi di bui e uscendo per contro Sirback quando ormai short manda per 98.000 con 8-6 e trova il rivale con A-Q che lo elimina.

Manuel Kovsca R DSC_3417.jpg

Roberto Tassi, risultato di prestigio col 7° posto

La debacle azzurra prosegue con l'uscita al 6° posto di Basilio Cipriano che si arrende contro l'ucraino Sharov nel seguente spot.

Sharov apre da UTG a 58.000 sui bui 12.000-24.000, ante 3.000 e Cipriano tribetta a 140.000 da bottone con . L'ucraino decide di chiamare con . Sul flop Sharov esce di 150.000, l'azzurro le mette tutte per 457.000 e l'ucraino chiama per turn e river che gli consegnano il piatto ed eliminano Basilio Cipriano.

Manuel Kovsca R  DSC_3389.jpg

Basilio Cipriano, 6° classificato IPT di Malta

Alla ripresa dopo la pausa cena, i 5 superstiti si lanciano nella battaglia che costa cara proprio all'ultimo azzurro, Edoardo Scimia che saluta al 5° posto con 36.000€ contro l'inarrestabile Sharov.

L'ucraino apre da UTG a 62.000, Sirback si appoggia da cutoff e Scimia da bottone tribetta a 215.000 con . Sharov pusha con , Sirback passa e Scimia decide di chiamare per le sue ulteriori 750.000 chip, ma il board non lo favorisce con .

Appena si riparte in quattro, Persson centra il raddoppio su Sharov con 7-7 contro 6-6, ma poi travasa le chip vinte al polacco di malta Polchlopek quando chiama il push con A-J contro 9-9, ritornando corto e rilanciando il giovane MIchal Polclopek a inseguire l'ucraino Sharov.

Proprio Lars Persson completa l'opera di auto distruzione, consegnandosi tra le braccia del destino e dell'ucraino Sharov quando decide di andare ai resti preflop con J-10 contro A-7 di Sharov e saluta al 4° posto con 56.000€ sul board 2-5-10-4-3.

Manuel Kovsca R DSC_3407.jpg

Lars Persson, 4° classificato

La lotta per il podio parte così:

Oleksandar Sharov 3.726.000
Michal Polchlopek 2.660.000
Johan Sirback 1.304.000

Dopo poche mani una Blinds War conduce al testa a testa finale.

Sharov apre da small blind a 120.000 sui bui 20.000-40.000, ante 4.000 e Sirback pusha per oltre 1,2 milioni di chip con chiamato dall'ucraino con .

Il board decreta il 3° posto con 76.000€ dello svedese Johan Sirback, mentre l'ucraino Sharov sembra poter prendere il largo per l'atto conclusivo in Heads Up.

Manuel Kovsca R DSC_3626.jpg

Johan Sirback, 3° classificato

Il testa a testa conclusivvo parte con Oleksandar Sharov a quota 4.970.000 e Michal Polchpolek a 2.730.000 chip.

Manuel Kovsca R DSC_3647.jpg

Il testa a testa finale

Il testa a testa è interminabile. nonostante all'inizio Sharov sembri poter concludere. Ma Polchpolek trova la forza di rientrare e superare il rivale per una sfida interminabile.

Manuel Kovsca R DSC_3642.jpg

Oleksandar Sharov, Runner Up

I due si scavalcano un paio di volte prima che, il polacco che vive a Malta, inizia a prendere margine e concluda in bellezza sui bui 40.000-80.000 quando nel corso della mano 155, dopo oltre 5 ore di heads up, si trova ai resti per gli ultimi 2 milioni del rivale sul flop con contro .
Il turn e il river incidono il nome di Polchlopek nell'albo dei vincitori IPT e lasciano il ruolo di Runner Up a Sharov.

Manuel Kovsca R DSC_3638.jpg

Michal Polchlopek, vincitore di questo IPT

Per maggiori dettagli potete sfogliare il blog ai seguenti link:

Livello 22 e 23
Livello 24 e 25
Livello 26 e 27
Livello 28 e 29

Classifica e premi