javascriptNotEnabled
Home / Video /

ICM: Independent Chip Model

 
Iniziamo.. chiediamoci subito.. cos è l'ICM? L'ICM è un modello matematico, che ci permette di valutare, in base alla combinazione di due elementi (equity e fold equity) quale sia la decisione migliore da prendere lo stack effettivo dei giocatori rimasti è inferiore a 12BB.. Facciamo chiarezza su alcuni termini..

Equity
: nei sng per equity si intende la probabilità di vincere il sng.. nel caso delle carte, l'equity rappresenta la probabilità di vincita della tua mano contro un'altra o contro un dato range..

Fold equity
(o FE): con FE si intende la probabilità che i nostri avversari foldino dopo una nostra bet o un nostro push..

Stack effettivo
: per stack effettivo si intende lo stack inferiore tra i vari giocatori.. se io ho 20BB, e gli altri 4 player al tavolo hanno 10BB, siamo lo stesso in fase push/fold (ricordo che la fase inizia quando si hanno meno di 10/12 BB..).. infatti lo stack che io realmente mi gioco è 10BB, non 20..

Range
: il range di mani rappresenta un ipotetica combinazione di mani che crediamo l'oppo possa avere in una determinata situazione.. se un avversario fa una 3-bet dopo un nostro raise, noi ipotizziamo che il suo range sia ad esempio QQ+,AK (ovvero potrebbe avere QQ,KK,AA,AK)..

Push
: push significa spingere, quindi andare all in..

Fatta questa premessa, vediamo un po di capire perchè nei sng si usa l'ICM.. Sorvolo su tutti i calcoli che troverete nella seconda parte di questo articolo.

Espongo prima un elemento facile da capire.. non è vantaggioso effettuare un raise standard quando si hanno solo 10BB.. vediamo di capire perchè... lasciando stare posizione e numero di giocatori.. siete first in (ovvero primi ad agire in una mano) e decidere di fare un raise 3x.. supponiamo che un altro oppo faccia call (quindi metta 3BB) e che in 2 andiate al flop.. il piatto in questo momento è: 3BB (vostro raise)+3BB (call oppo)+1,5BB (blinds)=7,5BB.. Lo stack che vi rimane è invece 7BB.. in questo caso si dice che siete pot committed (in breve l'entità del pot è superiore al vostro stack).. Quindi non potete neppure effettuare una normale continuation bet, ma dovrete andare all in indipendentemente dal fatto che abbiate o meno centrato il board.. capite quindi che questa via è senza dubbio piu ardua e molto piu rischiosa (oltre al fatto che preflop l'avversario avrebbe potuto pushare e mettervi di fronte ad una decisione difficile).

Adesso cerchiamo di centrare l'argomento.. avete giocato tight/aggressive il vostro sng, e siete arrivati nella fatidica fase finale.. come faccio a capire con che carte andare all in? in base a quale criterio si decide se una mano va bene o no per un push o per un call ad un push? Bene, è proprio qui che entra in gioco l'ICM.. Il modello matematico fonda le proprie basi su alcune ipotesi: non vi è differenza di abilità tra i player al tavolo; non considera la posizione al tavolo; non tiene conto della propria immagine al tavolo (se abbiamo giocato loose,tight...) Per capire come funziona il ragionamento, facciamo un esempio nel quale inserirò tutti gli aspetti del ICM.. Supponiamo che vi troviate nella fase finale di un sng, e che siate rimasti in 5 coi blind 100/200..

UTG 3000 chip
CO 2500 chip
BU 3000 chip
SB 2000 chip (Hero)
BB 3000 chip

Vi trovate nella posizione di piccolo bui, e vi arriva JTs.. UTG,CO e BU foldano.. voi che fate?
Abbiamo detto che un raise standard è da escludere, il call naturalmente pure, restano 2 opzioni: PUSH o FOLD.. è proprio qui che entra in gioco l'ICM.. vediamo come..

Per prima cosa il software calcola la nostra equity.. nell'esempio è del 15,8%.. Se foldiamo l'equity resta sostanzialmente uguale.. se andiamo all in si prospettano 2 vie: o vinciamo i bui, oppure riceviamo un call da parte del BB.. Per prima cosa chiediamoci.. con che carte BB è disposto a vedere un all in? per semplicità supponiamo che veda un all in con il 10% delle mani (è solo un esempio).. quindi con un range di questo tipo 55+, A9s+, KQs, ATo+, KQo Vediamo l'equity della nostra mano contro questo range.. JTs vs range oppo 37,6%.. Contro questo range siamo dietro.. ma è qui che entra in gioco la FE.. quindi il nostro oppo il 10% delle volte farà call, ma il 90% delle volte farà fold (folderà 44,A7,KJ etc).. e l'ICM tiene conto anche di questo.. non metto tutti i numeri per evitare di confondervi, ma a occhio vedete da soli che il push è molto vantaggioso.. infatti il 90% delle volte vinciamo 300; nel restante 10% dei casi, per quasi 4 volte su 10 vinceremo ancora noi..

Fare i calcoli è un pò complicato, in quanto non possiamo solo valutare l'incremento delle chip derivante da un push, ma bisogna tener conto dell'aumento dell'equity di vincita di un sng.. Quello che interessa a voi è capire come comportarvi, non è importante capire il sistema.. per chi volesse approfondire la cosa, lo dica e vedrò di spiegarlo in un altro post..

Riepilogando, di cosa dovete munirvi per imparare la fase push/fold?

1)software ICM.. questo è indispensabile.. online se ne trovano di gratuiti.. il migliore è sng wizard, ma dopo 30 giorni è a pagamento.. in ogni caso con questi imparerete le situazioni piu standard, sopratutto della fase bolla e 5-handed..
2)imparate a ragionare secondo range e non secondo la mano che vi ritrovate di fronte.. se nel nostro esempio dopo il push l'oppo ci gira AA, questo non vuol dire che il push era la giocata sbagliata, in quanto AA fa parte di quel range.. se gira 76s, allora il nostro ragionamento è da rivedere..

Quindi per fare un push osservate:
1)posizione
2)azione prima di voi
3)numeri di oppo dopo di voi
4)stack effettivi in gioco
5)carte

Come vedete, le carte sono l'ultima cosa.. Spendo 2 parole per il call ad un push.. In questo caso manca la FE, quindi il tutto si decide valutando l'equity.. per spiegare meglio il tutto, uso lo stesso esempio di prima.. solo che adesso sul BB ci siamo noi.. Lo SB ci manda all in, e noi dobbiamo decidere se fare call o meno.. abbiamo in mano KQ.. in questo caso il software ragiona cosi...

equity fold 21%
equity call/win 32%
equity call/lose 8%

In pratica calcola l'equity per ogni nostra decisione.. poi tramite una formula ci dice quanto forte deve essere la nostra mano per fare call.. nell'esempio deve vincere il 54% delle volte.. detto ancora meglio, la nostra mano deve avere un'equity del 54% nei confronti del range avversario.. Il difficile è ora capire il range avversario.. vediamo KQ come si comporta contro alcuni range..

KQ vs 22+,A8+,KT+,QJ 45%
vs 22+,A2+,K6+,QT+,JT,T9 50%
vs 22+,A2+,K2+,Q8+,J9+,T9,98,87 54%

Vedete quindi che possiamo fare call solo se il range avversario è uguale o maggiore dell'ultimo che ho postato.. Capisco che tutte queste nozioni all'inizio sembrino difficili da capire.. ma con un po di allenamento, un po di esperienza vedrete che sarete padroni dell'ICM e riuscirete a dominare questa fase del sng.. Penso di aver detto un po tutto.. lasciate i vostri feedback nel forum.. QUI troverete il post dove potrete esprimere i vostri dubbi e farmi le domande inerenti l'articolo..
Apri la lezione completa
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso