javascriptNotEnabled
Home / Video /

Grindare, che passione! (di Jake Cody)

 
 
Riguardando il final table dell'EPT Gran Final di quest'anno, sono sempre più convinto che sia stato il tavolo il tavolo finale più forte di tutti gli EPT. Ero circondato da giocatori incredibili: Johnny Lodden, Noah Schwartz, Daniel Negreanu, Jason Mercier, Grant Levy, Andrew Pantling e Steve O'Dwyer, che ha terminato col vincere il torneo. A rendere il tutto ancora più interessante è stato il fatto che, per la prima volta in assoluto dal pre-final table, ho giocato live con Daniel Negreanu. E' stato molto eccitante per me, perché è uno dei giocatori che guardavo in TV quando ero più piccolo.
Non sono stato al top del chip count, ma sono stato per quasi tutto il torneo sopra average. Poi, quando siamo rimasti in 19, ho perso un piatto enorme con QQ contro gli 88 di Schwartz. Noah ha preso un 8 al turn, che si è poi rivelato essere un monoout in quanto Mercier aveva foldato l'altro. Questa mano mi ha lasciato corto, tanto che il giorno dopo ero 16esimo su 16 giocatori rimasti. Avevo solo 260.000 con il chip leader che aveva oltre 2 milioni, quindi mi sarei dovuto giocare il torneo sin dalle prime mani del giorno successivo.

jake_cody_professional_poker_player.jpg

Sono stato abbastanza fortunato da avere KK molto presto, vincendo un cooler contro Victor Ramdin. Victor è stato molto sfortunato, perché aveva doppia coppia su board K354. Sono arrivato a 775.000, e vincendo un altro po' di piatti sono diventato uno dei chip leader con 1.8 milioni quando siamo arrivati al tavolo finale. Qui c'erano giocatori contro i quali non avevo mai giocato molto (c'erano Negreanu e Mercier che avevo spesso visto in televisione). Dovevo basarmi sulle informazioni che avevo raccolto nelle poche mani del tavolo precedente. E' stato molto divertente giocare con loro, e vincere sarebbe stato davvero grandioso, ma ho concluso al quinto posto.
Dopo il Gran Final, sono riuscito ad rimanere in Inghilterra per meno di 24 ore. Sono andato a Manchester per starecon mia madre mezza giornata, sono tornato a Leeds per fare i bagagli, e via a Londra per prendere il volo verso Las Vegas. Sono andato subito al Bellagio per giocare l'evento da 25k del WPT, ma non sono finito nemmeno ITM. Una volta uscito, dovevo cercare un posto per giocare le SCOOP e fortunatamente un mio caro amico – Chris Moorman – era a Carmen del Playa. Quindi ho deciso di andare in Messico per la prima volta. E' una città fantastica: spiagge bellissime, ottimo cibo...E la vita costa anche poco!
Mi sono divertito molto in Messico, e sono riuscito a vincere qualcosa alle SCOOP. Sono arrivato ITM a qualche evento da 1k ed al Main Event da 10k. Proprio qui, ero uno dei chip leader a ridosso della bolla, quando mi sono trovato con KK contro i JJ di Mike "MunhenHB" Telker. Manco a dirlo, per me non è andata bene e sono rimasto con 4BB. Sono riuscito ad arrivare ITM, mentre MunchenHB è arrivato al final table, chiudendo in quarta posizione.
 
 
Considerando anche le WSOP, sono stati due mesi in cui ho viaggiato molto per il poker. Ma non ho rimpianti: adoro grindare!

 
Tratto da pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88

Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso