javascriptNotEnabled
Home / Video /

Grandi exploit di Valentik e Jezebel87!

 

Grandissimo fine settimana per i colori di IntelliPoker; per la prima volta dalla nascita di PokerStars.it, un utente di IntelliPoker va sul podio del maggior torneo online in Italia e contemporaneamente un altro scrive il suo nome nell'albo d'oro di uno dei principali tornei della domenica. Valentik è terzo nel Sunday Special da €100.000 garantiti e si aggiudica 9.500 euro!! Jezebel87 si è aggiudicato il Sunday Challenge con buy-in di €15 e €12.000 garantiti, regolando la concorrenza di altri 823 giocatori e vincendo oltre ben 2.097 euro!!

Li abbiamo ascoltati il giorno dopo il successo.

Valentino "Valentik" Campana

Ciao a tutti mi chiamo Valentino Campana, abito in provincia di Milano, ho 36 anni, sono sposato da 7 anni e ho due meravigliose figlie di 5 e 2 anni, Valentina e Francesca. Ho fatto l'istituto tecnico, specializzazione informatica, purtroppo non ho avuto voglia e forse anche testa per concludere ingegneria informatica ed ora  lavoro per una societa' che fa supporto ai prodotti Hp, io mi occupo del supporto scanjet. Come hobby principale ovvio gioco al Texas Hold'em ma mi piace anche ascoltare musica, andare al cinema (il mio attore preferito e' De Niro), viaggiare, giocare al pc, giocare a scacchi e fare sport (ma e' un po' che non pratico nulla) 

Il poker lo conosco sin da quando ero bambino ovviamente quello giocato in italia il poker classico, dove gli insegnamenti principali li ho ricevuti da mio papa'. Molto spesso ci si incontrava con gli amici il venerdi' sera per fare una partita di poker a piccoli limiti, ma il vero poker quello americano, il Texas Hold'em, l'ho conusciuto con la trasmissione in tv poker mania su Italia 1 due anni e mezzo fa. Ho pensato subito che figata e quanti soldi, magari ci fosse in italia! Da lì a poco aprivo il mio primo account su pokerstars con il nick valentik72e incominciavo le mie prime esperienze. Devo dire che giocavo molti freeroll dato che avevo ancora scarsa fiducia sulle poker room on line.

Il mio primo live lo feci a dicembre del 2007, in un circolo di Cologno Monzese dove incredibilmente arrivai primo. Era un torneo con possibilita' di 1 rebuy più add-on fino al quarto livello, una formula che e' vietata dal regolamento che vige in italia dove ancora purtroppo non vi e' molto chiarezza su questo nuovo sport. La mano che mi permise di volare ancora me la ricordo: io da BB spillo QQ, i bui erano consistenti, tutti foldano fino allo small blind che dichiara all-in, un player molto conosciuto soppranominato "aspirina", io istant call, lui gira A9 e la mia coppia di QQ che tiene, il resto del torneo e' stato completamente dominato. Un altro episodio divertente fu questo: spillo KK ma avevo cosi' tante chips che non avevo protetto le mie carte poiché le misi aldilà della riga, così il dealer credendo le avessi foldate me le ritirò. Arrivato il mio turno annuciai il raise ma tutti al tavolo si misero a ridere chiedendomi come potevo giocare senza carte...vabbè comunque vinsi ugualmente il premio, un viaggio a Sharm per 7 giorni con un pacchetto del valore di 1200 euro di un evento organizzato a Sharm El Sheik. Purtroppo non potetti andare e mi accordai con un ragazzo per cedere il mio pacchetto. Poi giocai altri tornei live, penso di averne giocati una quindicina, non tanti rispetto alla mole di gioco on line e ultimamente ho fatto vari piazzamenti, un torneo vinto splittando a pari merito e un secondo posto.

Purtroppo live qui in italia non c'è ancora chiarezza sul fatto che sia sport o gioco d' azzardo e anche qui a Milano non sono mancati episodi spiacevoli, ma penso che siamo sulla buona strada, grazie soprattutto all'impegno e alla passione di alcune persone.

I miei pregi preferisco siano gli altri a dirli, il mieo difetto è che sicuramente è facile che perda il controllo e cada in tilt, su questo penso devo lavorare tantissimo oltre a pormi dei limiti: spesso gioco troppe ore evadendo completamente la realtà.

Per il Sunday Special finalmente dopo averlo disputato tutte le domeniche è arrivato un ottimo risultato e forse potevo anche fare di più; vorrei rivedere il replay del tavolo, soprattutto una mano dove avevo kj e floppato top pair e non sono convinto se ho foldato giustamente al turn, forse ho sbagliato, mannaggia a me che con kj son prevenuto, è la mia hate hand, e poi cmq ero anche un po' stanchino dato che il giorno prima avevo anche disputato un live a Bologna (sono arrivato 4 con un bel 1500 di profitto), insomma su 48 ore avrò giocato 20 ore. Per il resto del mtt penso di aver giocato molto bene, in generale sono stato tight agressive. Inizialmente cercavo di colpire gli oppo deboli, maniac, calling station o troppo loose ed inoltre giocavo molto di posizione evitando oppo con deep stack. Nella fase intermedia e finale, quando ormai il livello degli avversari era alto, per fortuna sono riuscito a massimizzare le mie premium e a giocare semplicemente. In tutto il torneo, in piu' di 700 mani, se ricordo bene avrò bluffato 1 o 2 volte e entrambe per fortuna a buon fine. Infine al final table ormai rimasti in quattro, è venuta meno la lucidità, la pazienza e un pò di fortuna, sono stato anche chip leader ma devo dire che sicuramente l'oppo che ha vinto mi ha messo più volte in difficoltà, era molto agressivo e comunque alla fine penso abbia meritato.

 Per concludere, penso che chiunque voglia emergere in questo sport debba rispettare in modo assoluto il proprio bankroll e giocare a limiti consoni. Neanche il miglior pro se non rispetta il bankroll management sarà destinato ad andare broke; alcuni pro anzi dicono che questo è anche più importante del talento, poi è molto importante avere molta pazienza e trovare un equilibrio. Concludo con queste due citazioni:

"Anche se l'acqua è leggera e debole, essa ha la capacità di erodere lentamente la roccia. L'acqua è compatta e rimane sempre uguale a sé stessa, a differenza del legno, la pietra o qualsiasi altro materiale che può essere suddiviso in pezzi. Essa può tuttavia riempire qualsiasi contenitore, assumere qualsiasi forma, andare dovunque, anche nei buchi più piccoli. Quando si suddivide in tante gocce, l'acqua ha ancora la capacità di riunirsi."

"Conoscere gli altri è saggezza; ma conoscere se stessi è saggezza superiore. Imporre la propria volontà agli altri, è forza; ma imporla a se stessi, è forza superiore. Essere sufficienti per se stessi è la vera ricchezza; governare se stessi è il vero carattere."

 

Raffaele "Jezebel87" Bertolucci

Mi chiamo Raffaele, ho 22 anni, studio Giurisprudenza e gioco a calcio.
Ho inziato da circa due mesi a giocare online, in un primo momento con risultati mediocri, poi con un pò di esperienza ai tavoli e soprattutto qualche studio su internet (su tutti il centro formazione Intellipoker, quindi un doveroso ringraziamento a Luca Pagano!), il mio tipo di poker è migliorato notevolmente. Sono un giocatore loose-aggressive (gioco diverse mani marginali, come suited connectors, oppure con kicker bassi); rilancio quasi sempre in base soprattutto alle mosse dell'avversario più che alle mie carte (vedere per credere il replay del Challenge!).  I maggiori risultati li ho sempre ottenuti con i MTT, mentre devo migliorare nei Sit.

Impressioni sul torneo: solo alla fine mi sono reso conto di poterlo vincere (il mio stack subiva violenti mutamenti a causa del mio stile di gioco, ed ero arrivato in zona bolla piuttosto basso, rimanendo short fino a che non siamo rimasti in 30 giocatori). Poi con frequenti blind steal e un paio di mani vinte, mi sono proiettato nelle prime posizioni e ho raggiunto il final table credo da chipleader. Al tavolo finale ho spinto tantissimo, spesso senza punti, un gioco che ha pagato tanto (cominciavo a capire lo stile dei diversi giocatori). Purtroppo non posso postare mani, hotmail non mi fa leggere email troppo grandi. Comunque nel replay se ne trovano di molto interessanti! Per qualsiasi cosa contattami!Ciao! 

Raffaele poi ci racconta la sua mano preferita nel torneo di ieri:

Sapevo da come aveva giocato che Dschiavi era in bluff,  quando aveva il punto si limitava a callare senza rilanciare, al massimo puntava dopo un check dell'avversario. Non avevo idea di cosa avesse albi, per vincere la mano era meglio un suo fold. Il flop ha visto albi fare una c-bet, ma non una c-bet decisa che poteva ipotizzare una coppia alta preflop, voleva semplicemente tastare il terreno. Al river c'è stato un tentativo di bluff si Dschiavi, visto il board se aveva una scala o settato un tris avrebbe fatto slow play a mio avviso. Probabilmente ha interpretato la bet minima di Albi e il mio call come un ''abbiamo carte alte ma non abbiamo nulla'' ed ha spinto sull'acceleratore. Dopo il fold di ALbi ho callato l'all-in che mi ha permesso di vedere il bluff di dschiavi e continuare il torneo con uno stack importante.

 

La mano descritta da Jezebel187

 

 

 

 

 

 

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso