javascriptNotEnabled
Home / Video /

Giocare il turn (pt 3)

 
http://www.twoplustwo.com//images/logo_twoplustwo.jpg
 

7. Giocare sulla difensiva
La maggior parte dei nostri avversari ha forse la più grande delle leak quando si tratta di giocare il turn, anche se sembrano regular abbastanza bravi. Quasi nessuno si impegna, infatti, a bilanciare i propri range al turn, e per noi diventa quindi molto facile exploitarli.
Step 1: Tenere traccia dei range avversari, sopratutto se hanno un range da EP abbastanza largo.
Step 2: Controlliamo la loro flop cbet%; più alta è, più saremo propensi a voler arrivare al turn con l'intenzione di fare la nostra mossa.
Step 3: Controlliamo la loro turn cbet%: se è bassa (< 30%) dovremmo dare credito ad una barrel al turn, ma se l'avversario checka è il segnale che ci spinge a portare subito a casa il piatto (stiamo attenti ai giocatori che check-raisano spesso al turn, contro di loro potremmo decidere di prenderci una carta gratis o di floatare al river).
Rilanciare una double barrel al turn è un segnale di grande forza, e se veniamo chiamati ci troveremo quasi sempre di fronte ad una mano forte (almeno overpair). L'azione al river sta a noi, ma un consiglio è quello di non bluffare persone che pensate possano avere overpair, perché non funzionerebbe.
Comunque, se qualche volta vogliamo provare, possiamo farlo, ma a delle determinate condizioni:
- uno stack abbastanza grande da consentirci di pottare o overpottare il river
- un avversario che al turn ha un range abbastanza ampio
- un avversario pensante e tight (non solo tight)
- un range di mani che bilancia i bluff
 
 
- un board super-scary che lega con il nostro range, ma non con quello dell'avversario
- un buon controllo del tilt quando veniamo chiamati

8. Le dimensioni contano
Un problema comune a molti giocatori è che questi si limitano a guardare il piatto ed a puntare in modo da sembrare coerenti. Questo può portare ad una perdita di valore, in quanto la maggior parte dei nostri soldi la faremo contro giocatori molto scarsi, cercando di prendere loro tutto lo stack quando abbiamo una mano buona. Comunque, se facciamo un pasticcio con la size della bet al turn, abbiamo due possibilità: o di overpottare il river (che va bene quando tutte le altre opzioni sono fallite), oppure la ben peggiore prospettiva di lasciare il nostro avversario con 30BB dietro, quando sappiamo benissimo che avremmo potuto prenderceli facilmente.
Ecco una guida molto grossolana sulla size della bet che ci permetterà di arrivare a fare una buona pot size bet al river:

 
 
Bet size = (Stack effettivo – piatto esistente) / 3

Esempio: il piatto è di 30BB, il nostro avversario ne ha 90 e noi lo copriamo.
(90BB – 30BB) / 3 = 60/3 = 20
Effettuando una bet di 20BB, se chiamati, il piatto diventerà di 70BB, ed il nostro avversario rimarrà con 70BB. Quindi, con una pot size bet al river, potremo prenderci il suo intero stack.
Ovviamente questa è solo una linea guida che non potremo sempre seguire: ad esempio, se gli stack saranno troppo deep, dovremo semplimemente limitarci a cercare di estrarre quanto più valore possibile.

 
Tratto dal forum twoplustwo
 
Tradotto da Marcellus88

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso