javascriptNotEnabled
Home / Video /

Giocare fuori posizione (pt 2)



http://www.twoplustwo.com//images/logo_twoplustwo.jpg

 
 
Giocare OOP da raiser preflop

  
Sistemare i range preflop
Quando rilanciamo preflop, a parità degli altri fattori (sopratutto di skill) preferiamo giocare contro uno dei blind e giocare in posizione, piuttosto che venire chiamati da qualcuno in late position. Sfortunatamente, ciò non accade spesso, sopratutto quando rilanciamo da early, ed è abbastanza probabile che ci troviamo a giocare il colpo fuori posizione postflop. Ci sono due cose che possiamo fare quando rilanciamo da early (o da SB), quando il rischio di giocare fuori posizione è più grande: possiamo aprire con un range più forte, ovvero con mani che pensiamo che, in media, possano ancora portarci soldi anche quando giochiamo fuori posizione e con più avversari, tenendo anche in conto le volte che qualcuno che parla dopo di noi potrebbe avere una monster (in più, possiamo aggiungere qualche mano più debole per bilanciare i range, mani che non saranno sicuramente +EV ma che ci aiuteranno a fare più soldi quando avremo una mano forte). La seconda cosa che possiamo fare è quella di rilanciare un importo tanto maggiore quanto più la nostra posizione si allontana da quelle buone. Ad esempio, potremmo rilanciare 4x da early, 3.5x da middle, 3x da HJ e CO, 2.5 da BTN e di nuovo 4x dallo SB. Fare ciò porta diversi vantaggi: da EP (e SB) riduciamo la volontà dei nostri avversari di chiamarci, e se veniamo chiamati creiamo un piatto più grande, con il nostro range che è generalmente più forte di quello dell'avversario, ed un SPR più basso che migliora il nostro gioco OOP, perché più piccoli sono gli stack, meno conta la posizione. Rilanciando di meno dal BTN, invece, perdiamo meno quando veniamo 3bettati e gli avversari potrebbero chiamarci con mani più deboli, il che è buono perché avremo la possibilità di outplayarli giocando in posizione.
 
 
La c-bet
- La texture del flop è molto importante: la c-bet standard è un'arma molto semplice da utilizzare, e sopratutto ai microlimiti, sapere quali flop è bene c-bettare e quali no ci potrà aiutare molto;
- Cambiare le size: non siamo pigri con le c-bet. Contro giocatori che non prestano attenzione al tavolo (non solo contro i fish, ma anche contro persone che massgrindano parecchio), eccetto in alcuni casi particolari (ad esempio su flop A83r con aria totale) non c'è motivo di c-bettare più di ½ pot. Se invece abbiamo TT su T87 con due semi sul flop, dovremmo puntare ALMENO 2/3 di piatto, contro chi pensa solo alla propria mano senza far caso alle size. Se avete paura di dare troppe informazioni, cuatevi di avere una determinata size in base ai vari board, ma ciò non accadrà molto spesso e contro molti avversari ai microlimiti.
 
 
Il check-fold
Anche in questo caso dobbiamo avere una buona idea sulle texture del flop e sui range. Il check-fold deve essere basato tantissimo sull'avversario ed, in secondo luogo, anche sulla nostra posizione. Ma, in generale, dovremo foldare quando una nostra c-bet sarà molto probabilmente chiamata o rilanciata. Ad esempio, se c-bettiamo 2€ su un piatto di 3, avremo bisogno di vincere il 40% delle volte per essere in pari. Quindi, se ci aspettiamo che il nostro avversario chiami più del 60% delle volte la nostr c-bet, e non avremo possibilità di continuare al turn, dovremmo semplicemente arrenderci. Guardiamo questo esempio specifico:
Siamo UTG+1 con AJ ed un TAG tricky ci chiama da CO. Il suo range conterrà molte pocket pair, qualche suited connectors e suited 1 gap connectors, e forse qualche A suited o qualche mano premium. Il flop è 874 bicolore. Quando c-bettiamo, le pocket pair ci chiameranno quasi tutte, stesso discorso per le connectors. In più, parte del suo range potrebbe aver legato progetto di colore, ed essendo tricky potrebbe anche pensare di floatarci con aria. Visto il tipo di avversario ed il suo range, inoltre, potremmo non voler sparare più barrel. Un altro esempio potrebbe essere quando apriamo 55 da HJ e BTN, che è una grande calling station, ci chiama. Al flop scende QJ8 con progetto di colore, e pensiamo che il BTN potrebbe chiamarci con gutshot o meglio. In questa situazione, non è verosimile che il nostro avversario foldi abbastanza spesso da rendere la nostra c-bet profittevole, e puntare più street contro una calling station non è mai buono.
 
 
Tratto dal forum twoplustwo
 
 
Tradotto da Marcellus88
 
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso