javascriptNotEnabled
Home / Video /

Giocare fuori posizione (parte 3)

 Giocare fuori posizione (pt 3)

 

Gestire i miniraise: non significano sempre set

Ecco una mano che ho "sventrato" in post-sessione come una mucca sovrappeso nell'Hamburger Day, e che mostra quale sia la forza del raise in posizione.

Avevo :Ad :Kh ed, ovviamente, ho aperto il gioco, ricevendo un solo call. L'avversario sembrava un buon giocatore, ma non avevo molte mani contro di lui.

 

Al flop scendono :As :7d :6c. C-betto a 6€, subisco un miniraise a 12€. Ho chiamato, seppur sin da subito abbia temuto un set. Al turn scende una carta totalmente bianca, un :2s. Doppio check. Al river arriva un :Td. Io checko, l'avversario punta 30€ e decido di chiamare.

L'avversario mostra :9h :8h (scala al T).

 

Il miniraise ha bloccato la mia azione al flop. Ero assolutamente convinto che effettuasse miniraise solo con set; invece, gli ho lasciato comprare a poco prezzo il suo draw, e sono caduto nella sua trappola al river.

 

Rimango ancora convinto che la maggior parte dei giocatori effettui questa mossa soltanto con un set. Anche se sembrava un buon giocatore – ed ho visto molti utenti di 2+2 farlo -, spesso si miniraisa un set per ingrandire il piatto e prendere valore, limitando il rischio che l'avversario decida di abbandonare la mano. Tuttavia, ho scoperto che...

 err_notlogged_required_GreyStar
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso