javascriptNotEnabled
Home / Video /

Giocare coppie piccole (pt 2)


Nella scorsa puntata abbiamo visto come e quando giocare coppie piccole da early position. Adesso andremo avanti, e faremo altri esempi su come giocare queste pocket cards dalle altre posizioni.

Middle position: da queste posizioni iniziamo a rilanciare più spesso, ma dobbiamo sempre stare attenti a quanti giocatori aggressivi e/o shortstack ci sono dopo di noi (e, se ce ne sono molti, possiamo anche considerare di cambiare tavolo). Verremo 3bettati più spesso da questi giocatori, e se non sappiamo reagire a queste 3bet, sarebbe meglio passare queste mani direttamente preflop. Per quanto mi riguarda, al NL25 ho perso soldi per un periodo di tempo, perché chiamavo troppo spesso queste 3bet. Parleremo fra poco di come reagire alle 3bet, ma prima c'è qualcosa da considerare. Open-limpare (entrare in gioco per primi semplicemente chiamando il BB) è la cosa peggiore che possiamo fare, ed anche nel gioco live è preferibile rilanciare o passare se nessuno ha aperto prima di noi.
Possiamo anche iniziare a chiamare i raise più spesso, avendo posizione su un buon numero di avversari, e ci sono inoltre poche possibilità che chi parla dopo di noi decida di squeezare (rilanciare dopo un raise ed uno o più call) con un ampio numero di mani, sopratutto ai microlimiti.

Credo che sia molto meglio chiamare il raise da UTG di un avversario TAG, piuttosto che quello da MP di un avversario LAG, semplicemente perché vinceremo l'intero stack più spesso contro chi ha un range molto tight che include overpair e TPTK piuttosto che da chi floppa spesso middle pair o progetti. Se qualcuno ha 99 e floppiamo un set, difficilmente prenderemo tutto lo stack dall'avversario anche se ha overpair e gli stack interi saranno nel piatto solo con set over set o contro giocatori che sono molto loose nel post flop. Per questo è preferibile giocare contro avversari dai range molto tight, sopratutto al piccolo prezzo di 3-4 BB. Inoltre, difficilmente un avversario effettuerà uno squeeze contro qualcuno che flatta il raise da UTG o UTG+1 di un giocatore 10/7. Se invece flattiamo il raise da MP di un giocatore 24/21, verremo squeezati molto più spesso. Tutte queste cose devono essere tenute in considerazione quando decidiamo di chiamare un raise.

Per quanto riguarda le 3bet, quasi mai dovremmo 3bettare le coppie piccole preflop. Quello che speriamo quando abbiamo una coppia piccola è che il nostro avversario abbia una mano molto forte, in modo che quando settiamo possiamo prendergli l'intero stack. Quando invece lo 3bettiamo, il nostro avversario andrà a 4bettare quasi tutte le mani che vogliamo che abbia e saremo costretti ad arrenderci. Ed inoltre, se 3bettiamo e prendiamo set, spaventeremo tutte quelle mani come AQ, JJ, TT ecc. che potrebbero pagarci anche più di una street se scegliessimo di giocare passivamente preflop.

Late position: da late position, se tutti hanno foldato prima di noi, è giusto rilanciare. Dovremmo foldare solo se abbiamo giocatori super-aggressivi dopo di noi, ma in realtà, in questo caso, sarebbe meglio abbandonare il tavolo non appena il BB torna a noi (per amor di chiarezza, dovremmo cliccare su "sit out next BB"). Si dovrebbero chiamaresempre i raise, a meno che non ci siano short stack in gioco o pensiamo che ci siano buone possibilità di essere squeezati (cosa che comunque non accade molto spesso dal NL25 in giù). Siamo in posizione, possiamo prendere valore da ciò contro mani buone (anche migliori delle nostre) e possiamo prendere il controllo più spesso rispetto a quando abbiamo giocatori che devono parlare dopo di noi. 3Bettare o squeezareè una mossa spesso sbagliata per le motivazioni già spiegate in precedenza, e lo si dovrebbe fare davvero raramente (ad esempio quando c'è molta dead money nel piatto).

Giocare con coppie piccole contro short stack: se abbiamo due o più shortstack contro di noi (fermo restando che sarebbe meglio cambiare tavolo) dovremmo rilanciare sempre. Se lo shortstack ci pusha, in base a quanto è aggressivo, dovremmo chiamarlo. Se uno short pusha il 10% delle mani + tutte le coppie, Pokerstove dice che 22 ha il 36.2% di equity, e 66 il 47%. Se pusha il 5% + tutte le coppie, 22 ha il 27% di equity e 66 il 43.6%. Se pusha il 20%, abbiamo un'equity del 43.8% con 22 e del 46.77% con 66. Presumendo che noi rilanciamo 3x e lo short ci pusha i suoi 20BB, dovremmo chiamare 17BB per vincerne 24.5, che significa dover avere circa il 41% di equity per chiamare con profitto. Ma se pensiamo che chiamare lo short possa frenarlo dal pusharci con un ampio range in futuro, possiamo chiamare anche se abbiamo un'equity UN POCO inferiore (è ovvio che non dovremmo chiamare con il 20% di equity se ce ne serve il 41 per fare un call profittevole).

Nella terza ed ultima parte di questo articolo parleremo di come giocare le coppie piccole quando 3bettati e sui blind.

 
 
Tratto dal forum twoplustwo

Tradotto da Marcellus88

Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso