javascriptNotEnabled
Home / Video /

Felice per 40mila motivi. Il racconto di Bellani

Matteo "TELLOgo75" Bellani ha vissuto un mese di ottobre indimenticabile, facendo fuoco e fiamme ai tavoli online prima, con la vittoria nell'evento 12 ICOOP su PokerStars.it e poi qualificandosi sempre online per il tavolo High Stakes che si è tenuto a fine ottobre presso il Casinò di Sanremo.
 

 
Matteo si è guadagnato l'opportunità di giocarsi gratuitamente uno stack da 10.000€ contro i Pro PokerStars e i Pro del Cash Game live italiani.

Come ci è riuscito? Ecco le parole di Bellani: "Il percorso che mi ha condotto al tavolo High Stakes è stato pieno di emozioni: ho conquistato il ticket per il satellite High Stakes grazie alla vittoria dell'evento 12 delle ICOOP (175€ 6 max NL Hold'em) su 906 players, dopo una partita estenuante e un deal al Final Table al quale mi sono presentato da short stake. La gioia principale era l'aver portato a casa un bel gruzzolo, ma il momento felice stava per prolungarsi.
 
Nel satellite finale che concedeva una grande opportunità di giocare dal vivo coi migliori ai due più bravi e fortunati, figuravano i primi 20 di un torneo di qualifica, i vincitori degli eventi ICOOP più tutti i regular che avessero maturato i punti richiesti.
 
Iniziato il satellite ho creduto di potercela fare quando in un piatto multiway dove ero di posizione, decido di pagare l'incastro di scala. il river mi premia, regalandomi un triple up e un posto in prima fila tra i chipleader. Dopo questo colpo sono rimasto sempre nelle prime posizioni e ho realizzato il sogno dopo una lunga fase bolla. Indescrivibile la gioia infinita nel vedere il mio nick lassù!"
 
Matteo apre una parentesi per i ringraziamenti, "PokerStars mi ha regalato una meravigliosa avventura per l'organizzazione impeccabile , dalla prenotazione dell'albergo alla possibilità di essere accompagnato e pure il rimborso spese", per poi descrivere i preliminari della sfida vincente: "A Sanremo sono arrivato il giorno antecedente all'evento e si può immaginare l'emozione nel sapere che sarei stato seduto a fianco di tutti quei grandi campioni che ho sempre sognato anche solo di conoscere.
 
Eravamo in due a esserci qualificati, io e Mauro Piacentino. A Mauro è stata assegnata la sessione pomeridiana che ho seguito con attenzione, elaborando una strategia da adottare con convinzione nella mia sessione serale. Con quei campioni al tavolo avrei avuto bisogno sicuramente di una buona dose di fortuna tuttavia, essendo il gioco pot limit preflop e no limit postflop, ho pensato di giocare tutte quelle mani speculative che potevano ben connettersi con flop "fortunati" che avrebbero celato grandi e invisibili insidie per i miei rivali. Stavo calcolando tutto e controllando mente e corpo con tranquillità, ma prima dell'inizio il cuore ha cominciato a battere forte per l'emozione, soprattutto dopo il sorteggio che mi vedeva al seat 6 con Grospellier e Minieri pericolosamente posizionati alla mia sinistra.
 
Oltretutto Minieri sembrava veramente caldo, dopo essere uscito dalla sessione pomeridiana con un gran bell'attivo. Il field era completato da Dario Sammartino, Sergio Castelluccio, Massimiliano Martinez, Pier Paolo Fabretti, Pier Paolo Ruscalla. Un respiro profondo e un pensiero convinto: Nessun timore reverenziale. Dopo tutto non rischiavo nulla, tutto era stupendo, dallo scenario alla qualità dei rivali e per centrare un bel risultato non dovevo di certo aspettare i colpi monster. Su 80 o al massimo 100 mani avrei potuto non vederne neanche uno."
 
Matteo si ferma un attimo, assapora l'aria circostante ripercorrendo nella sua mente ogni passo. Poi torna a parlare con entusiasmo dei momenti chiave della sessione High Stakes: "In una delle prime mani perdo circa 3.000€ contro Minieri che chiude un colore nut al river. Dario, come sempre, stava dando spettacolo con una grande pressione al tavolo e continui raise e re-raise.
 
Poco dopo, però, arriva la mano che cambia l'inerzia della mia partita. Spillo 8-8 e da early apro il gioco con un raise su cui si appoggia Minieri. Sul flop Aq-Ap-9f mi limito a un check-call sulla puntata a 900 del Team Pro PokerStars. Al turn cade un 3q io non gli faccio l'Asso ed esco di 1.800 ma lui mi pusha diretto! Entro in the tank e continuo a pensare che sia in bluff o in semibluff perchè quella mossa di prepotenza poteva essere fatta giustamente sul loose cannon che a quel punto avrebbe rischiato di andare a casa dopo soli 25 minuti di gioco e una figura parecchio misera.

Alla fine di tutti i ragionamenti opto per il call. Minieri gira 6 e 4 a quadri e qualche brivido prima del river mi attraversa. L'ultima carta, però, è nera. Riprendo fiato e soprattutto un piatto da quasi 13.000€. Da lì comincia la mia più bella partita di sempre che alla fine mi porta a vincere circa 42.000€ con l'ulteriore soddisfazione della Best Performance tra le due sessioni e un ricordo indelebile nel tempo. Onestamente non so cosa avrei potuto chiedere in più da questa esperienza."

Fonte: SportMediaset
 
 
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso