javascriptNotEnabled
Home / Video /

Equity e draw

Negli articoli precedenti, abbiamo spiegato perché quando abbiamo la mano migliore dobbiamo puntare per valore. Solitamente, quando abbiamo la mano migliore ad un certo punto della mano, le probabilità che lo rimanga fino alla fine sono superiori a quelle di venire battuti.
Tuttavia, certe volte una mano non completa come un draw può essere la favorita; di conseguenza, in queste situazioni abbiamo la miglior equity nel piatto, e dobbiamo puntare per valore, nonostante non abbiamo ancora un punto chiuso.
 
Esempio 1
Abbiamo su flop . Se il nostro avversario punta forte su questo flop, è probabile che al momento non abbiamo la mano migliore. Tuttavia, abbiamo la miglior equity quasi indipendentemente dalle carte che ha il nostro avversario. Anche se dovesse avere , la nostra mano avrebbe il 52% di possibilità di vincere, nonostante lui abbia già chiuso doppia coppia e noi abbiamo "solo" un monster draw. Le sole mani contro cui ci troveremmo sotto in questo momento sarebbero i set, ma anche in questo caso si tratterebbe praticamente di un coin flip.
 
In questo esempio le carte che ci fanno chiudere il punto (scala o colore, senza dimenticare che abbiamo anche due overcard) sono tantissime, per questo dobbiamo puntare per valore e cercare di ingrandire il piatto quanto più possibile.

 
Esempio 2
Adesso vediamo cosa succederebbe in una situazione come quella vista sopra (abbiamo su ), ma contro due avversari anziché uno solo. Sappiamo che i nostri avversari, Alice e Bob, hanno rispettivamente e . Ed ecco l'equity che ha ogni mano in questo piatto:
Hero ( ): 45%
Alice ( ): 1%
Bob ( ): 54%
 
Possiamo vedere che Bob, grazie al suo set, è avanti a noi in questa mano, e anche se dovessimo chiudere il nostro colore o la nostra scala, Bob potrebbe comunque chiudere full e vincere la mano. Allora cosa dobbiamo fare? Dobbiamo limitarci a check/foldare perché stiamo sotto?
Non necessariamente.
 
Un po' di matematica
Se tutti e tre i giocatori continuano la mano, ogni giocatore ha investito un importo pari a 1/3 del piatto. La nostra equity nella mano è del 45%, quindi stiamo investendo il 33% per avere un ritorno del 45%. Di conseguenza, matematicamente, per Hero sarebbe corretto giocarsi un all-in a tre al flop.
 
Cosa succede alla nostra equity se uno dei giocatori folda?
L'unico problema di questa situazione sarebbe se Alice decidesse di foldare il suo senza mettere ulteriori chips nel piatto. Infatti, in un caso del genere, il nostro investimento sarebbe molto vicino al 50% del piatto, mentre la nostra equity è del 45%. Di conseguenza, andare in all-in contro un solo giocatore sarebbe una mossa leggermente negativa, e dovremmo evitarla - a meno che il nostro avversario non ci dia le giuste odds per provare a chiudere il nostro progetto.
 
Tratto da thepokerbank.com
Tradotto da Marcellus88
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso