La seconda parte del Day 2 dell'European Poker Tour di Berlino ha portato con sè delle eliminazioni davvero sorprendenti a causa delle quali perdiamo alcuni potenziali protagonisti che avrebbero potuto di certo dire la loro in caso di approdo al Day 3.

chips-ept9-berlino1.jpgIl primo a cadere, a inizio dell'undicesimo livello, è il pro di PokerStars Viktor Ramdin, nel più classico dei coin flip: all-in preflop con QQ contro AK di Thomas Richter e coppia che in questo caso non tiene!

Torna a casa (o si dedica al cash...) anche Sorel Mizzi, azzoppato prima da Yasar Guden in all-in preflop rispettivamente con vs e board liscio, finito poi da Stephane Benadiba con vs e board che non fa il miracolo per Mizzi.


La giornata è storta anche per Jake Cody, l'ultimo acquisto del Team Pro di PokerStars che vinse l'EPT di Deauville nel 2010. L'azione che costa cara all'inglese lo vede impegnato in un 3-way pot insieme a Mike Kunze e un altro cody-ept9-berlino.jpggiocatore. Essi si danno battaglia su questo flop , sul quale checkano tutti.
Turn , Kunze esce 2.500 e Cody sale a 7.500. Il terzo giocatore passa e Kunze mette. Il board si completa con un al river. Kunze opta per il check e Cody spara 11.500. Kunze rilancia mettendo all-in Cody che ci pensa una vita poi batte sul tavolo in segno di resa e passa le sue carte scendendo a quota 30.000. Il britannico uscirà poco dopo contro Aku Joentausta contro e board liscio.

Rimanendo in casa Stars, è player out anche Martin Horecki, mentre si sono difesi Theo Jorgensen e Martin Stazsko rispettivamente con 171.600 e 90.800 chips. Si salva invece in corner Liv Boeree. La brava e bella pro inglese va in check-raise all-in contro Ville Mattila su questo flop con . Il finlandese chiama con e parte avanti. Un fortunato al river salva il torneo della Boeree che chiuderà poi poco sotto le 90.000 chips.
Ecco la squadra PokerStars al completo: Jan Heitmann (104,800), Sandra Naujoks (190,800), Mickey Petersen (60,100) e lo SportStar Boris Becker (113,000)

A noi rimangono solo 4 italiani, ma sono veramente tosti:

Marco Leonzio 195,700
Giuseppe Sammartino 169,400
stefano rossomando 103,300
Salvatore Bonavena 57,200

bonavena-ept9-berlino.jpg

Salvo Bonavena tornerà al Day 3, domani.

 

Il protagonista della giornata è invece proprio il killer di Jake Cody, Aku Joentausta, che ha chiuso con l'imponente stack di oltre 750.000 chips, che gli assicurano una dote davvero notevole, sufficiente per fargli sentire in tasca la bandierina di questo EPT di Berlino.

grospellier-ept9-berlino.jpgBene, molto bene, anche il vincitore dell'EPT di Berlino della scorsa stagione, Davidi Kitai che, dopo aver cominciato con risicatissimo stack da 32.000, è riuscito a risalire con impeto fino a raggiungere la quota di 282.100 a fine serata.
Chiudono in maniera positiva anche Ronny Voth (526,000), Lukasz Golczyk (448,200), Dominik Nitsche (434,600), Pascal Vos (426,000) e Pal Koppegodt (424,300).

Tornano mestamente a casa invece giocatori del calibro di Bertrand "ElkY" Grospellier, uno dei pochi giocatori al mondo a essersi aggiudicato il "triple crown", Rino Mathis, Matthias De Meulder, Victor Ramdin, Vanessa Selbst, Marcin Horecki, Eugene Katchalov, tutti PRO di PokerStars che potranno godersi Berlino insieme a Anton Wigg, Piuz Heinz, Scott Seiver, Griffin Benger, Marvin Rettenmaier, e il vincitore di tre stagioni fa, Kevin MacPhee.


boeree1-ept9-berlino.jpg

Sono in tutto 168 i giocatori che si ripresenteranno questo pomeriggio a partire dalle 12.00 per provare a centrare il piazzamento berlinese che solo i 136 più bravi e fortunati conquisteranno, presumibilmente, intorno al tardo pomeriggio.

Ecco i primi 10 del chipcount:

Aku Joentausta 751,300
Anaras Alekberovas 529,800
Ronny Voth 526,100
Khiem Nguyen 490,800
Lukasz Golczyk 448,200
Dominik Nitsche 434,600
Daniel Reijmer 427,700
Pascal Vos 426,000
Pal Koppegodt 424,300
Emil Ohlsson 392,100