ept-thumb-promo.jpgOggi il day 4, domani il tavolo finale

 

L'European Poker Tour di Campione completa il day 3 e comincia quindi l'ultima parte del suo percorso eleggendo i magnifici 88 che durante la giornata di ieri hanno raggiunto l'obiettivo della bandierina all'EPT targato PokerStars.

Uno dei momenti più affascinanti dell'intero torneo è proprio il passaggio che avviene tra i giocatori che torneranno a casa senza premi e coloro i quali possono tirare un sospiro di sollievo e passare alla cassa dopo la loro eliminazione.

Il ruolo di "uomo bolla", l'ultimo dei non premiati, è spettato questa volta a Benas Molis che chiamava l'all in del suo avversario, il danese Jannick Wrang su un flop . Molis si presentava allo show down con un flush draw di fiori, mentre il nordico girava per la sua doppia coppia. Il progetto a colore di Molis non si concretizzava e i suoi 88 compagni di torneo rimasti in gioco, potevano esultare.

R Manuel Kovsca  DSC_0820.jpg
Il momento dello scoppio della bolla

La giornata correva via liscia e si passava dagli 88 sopra citati ai 24 left delle 2 del mattino, orario in cui scoccava la fine della giornata.

Oggi alle 14.00 si riprenderà infatti con tre tavoli inizierà la rincorsa ai premi più prestigiosi e, soprattutto, per i migliori 8, al tavolo finale di sabato pomeriggio.

In testa al chipcount troviamo proprio il danese Wrang che ha fatto scoppiare la bolla. Wrang ha chiuso con 1.742.000 chips, davanti al francese Fabrice Soulier che ha uno svantaggio di circa 500.000 chips dal capoclassifica.

Terzo posto per un altro scandinavo, Ylitalo Robin che è andato a dormire con in dote 1.221.000 chips.

R  Manuel Kovsca  DSC_1158.jpg

Wrang

Per trovare il primo dei 6 italiani dobbiamo scendere al decimo posto occupato da Giuseppe Biancoviso con 820.000 chips, Stefano Puccilli, autore di una strepitosa rimonta occupa il 12° posto a quota 676.000 chips.

R Manuel Kovsca  DSC_1142.jpg

Puccilli

 

Stefano Demontis è 15° per 544.000 gettoni. Chiudono questa speciale classifica per italiani Benelli, Minasi e Vinci, tutti sotto le 500.000 chips.

R Manuel Kovsca  DSC_0983.jpg

Demontis