ept-thumb-promo.jpgLa giornata fila via veloce.

Quasi non ci si rende conto di come si arriva già a 50 giocatori nel corso del quarto livello con le uscite repentine di molti short e di qualche big.

Tra gli azzurri salutano presto Marcello Rizzini con 3-3 contro A-Q, Nicolò Calia che si scontra con 10-10 contro J-J, cedendo con onore e con l'ennesimo risultato utile in campo europeo.

Poco dopo queste uscite segue quella dello stoico Giuseppe Pipino che, ipershort da ieri, resiste fino a chiudere 100°.

Luca Cainelli fa i salti mortali per resistere e raggiungere un'altra meta importante, ma alla fine si deve arrendere al 66° posto quando finisce ai resti preflop con un pari stack con A-K contro 9-9 e non trova aiuti dal board nullo.

_MG_6102__EPT7BAR_Neil_Stoddart.jpg

Luca Cainelli, 66° all'EPT di Barcellona

Anche Federico Cipollini, grande lottatore, cede alla fine del quarto livello attorno alla quarantesima posizione quando si trova ai resti con A-Q contro 2-2 di Lores sul flop A-2-8 e si arrende su turn e river non miracolosi.

_MG_6148__EPT7BAR_Neil_Stoddart.jpg

Federico Cipollini, ITM all'EPT di Barcellona

La traghettata verso il Day 4 prosegue di buona lena e il ritmo delle eliminazioni non subice flessioni, così si arriva a 31 giocatori proprio verso la fine del livello 21 anche grazie a due uscite illustri. I Pro PokerStars Mathias De Meulder e Leo Fernandez, entrambi eliminati da uno spavaldo Francesco Notaro che prima con J-J contro A-K elimina il belga per un monster pot e poi con A-10 chiama il push dello short argentino e lo elimina con A-10 contro K-6 salendo a vicechipleader momentaneo con 1.400.000 gettoni. Poi il leccese si gestisce e chiude a 1.167.000 gettoni.

_MG_6285__EPT7BAR_Neil_Stoddart.jpg

Francesco Notaro, Qualificato PokerStars, protagonista in Catalogna

La leadership non è del leccese perchè davanti a tutti c'è un mastino napoletano. Alessandro Longobardi, infatti conduce con oltre 1 milione e mezzo, amministrando e domando il tavolo dall'inizio della giornata.

_MG_6122__EPT7BAR_Neil_Stoddart.jpg

Alex Longobardi chipleader all'EPT di Barcellona

Alla fine Longobardi chiude a 1.863.000, superato nel finale solo dal tedesco di origini italiane Giuseppe Pantaleo che con un rush finale vola alto in un monster pot con K-K contro A-10 di Kristoffer Thorson e poi elimina l'uomo bolla Finneran chiudendo a quota 2.309.000 chip.

_MG_6664__EPT7BAR_Neil_Stoddart.jpg

Giuseppe Pantaleo, chipleader dei last 24 all'EPT di Barcellona

Un altro giocatore in evidenza è Marco Bognanni che per un breve periodo si toglie la soddisfazione di condurre il Day 4 ben sopra il milione quando, dopo essere cresciuto con un gioco oculato e convincente, trova la mano delle monster e finisce ai resti con K-K contro A-A di Vidal. Per fortuna per una volta si possono vincere anche i 20-80 e Bognanni si gonfia di gioia e chip prima di cedere qualcosa in una breve fase di calo mentale al tavolo per poi ritrovarsi e chiudere a 1.131.000 chip.

_MG_6111__EPT7BAR_Neil_Stoddart.jpg

Marco Bognanni, ottima prova ancora

Alla fine del sesto livello si conclude anche la giornata di fatiche pokeristiche che, come già accennato, lancia Pantaleo a leader dell'EPT, ma gli azzurri rimasti in gioco si stanno decisamente comportando alla grande.

Non rimane che riposarsi bene e tifare azzurro domani alle ore 12 per il Day 4

Per maggiori dettagli potete sfogliare il blog ai seguenti link:

Livello 17 e 18
Livello 19 e 20
Livello 20 e 21


Classifica e premi

Chipcount ultimi 24 players per il Day 4

Fonte : www.pokerstarsblog.it