BORGO SAN LORENZO - Solitamente si parte dall'inizio, ma stavolta voglio fare un'eccezione.

Si è appena concluso l'heads up più importante della mia vita. Ho appena vinto l'evento numero 1 High delle SCOOP 2010 di PokerStars.it.

Sono le 3.47 del 1° giugno. Sono sommerso dagli abbracci reali degli amici presenti in casa mia e dagli abbracci virtuali di quelli che mi hanno seguito online.
Le lacrime mi tappano gli occhi. La testa va da sé, mentre il corpo è attraversato da un tornado di emozioni. Ho vinto 57.500€. Un botto di soldi!
Soldi che mi serviranno per coprire metà del mutuo, che è partito a gennaio. Da ottobre avrò la mia casina e non servirà più l'aiuto dei miei genitori.
La festa è ormai esplosa e chi se ne frega se siamo fuori tempo massimo per fare baccano.
"Certe notti sono quelli notti, che non vorresti finissero mai", come dice Ligabue.

Ebbene si, una notte eccezionale, che spazza di colpo, piccole grandi delusioni patite in tre anni di gioco. E' una ruota che gira e, se sei pronto, gira anche dalla tua parte.

Il primo braccialetto SCOOP 2010 l'ho vinto io!

Io che sono nato 27 anni fa, in questa valle incantata, chiamata Mugello, che Giotto, Beato Angelico, Monsignor Della Casa, Gastone Nencini hanno portato alla ribalta internazionale.
Io che sono cresciuto in una famiglia normale, dove la concezione del lavoro viene prima di tutto.
Io che ho visto mio padre rimettersi sui libri a 36 anni per prendere il REC per la Tabaccheria acquistata nel 1997 necessaria a dare una maggiore solidità alle finanze della nostra famiglia.
Io che sognavo di vestire un giorno la maglia del Milan e che mi ritrovo a fare il giornalista.
Questa notte ho vinto io! Indimenticabile!

diavolo1983_scoop_1h_interviste_mv.jpg

Diavolo1983 in un live con l'immancabile cappellino PokerStars!

Diplomato ragioniere nel 2002, sono iscritto alla facoltà di Media e Giornalismo a Firenze dove sono "a ridosso della bolla" che porta alla Laurea.
Ma le tante collaborazioni giornalistiche mi hanno costretto a mettere un pò da parte i libri. Scrivo per il "Nuovo Corriere di Firenze", lavoro per Radio Mugello e collaboro con un paio di agenzie giornalistiche.
Il mio campo di specializzazione? Solo sport, perché ce l'ho nel sangue.
A 5 anni sono stato portato a San Siro da mio padre e ho visto vincere il Milan 6-0 con il Bologna. Il Texas Hold'em, invece, ho iniziato ad amarlo nel 2007. Poi, un anno dopo, ho aperto la mia sala assieme ad altri tre soci. "Il Tempio del Poker Mugello" consociata della sorella maggiore di Firenze, a cui devo tutto.
Ecco in breve quello che è la mia vita.

Non so se la notte appena trascorsa cambierà qualcosa, ma sono certo che me la porterò per sempre con me.
Il torneo è stata un'assoluta battaglia, ma fin dall'inizio ho avuto sensazioni positive che si sono confermate mano dopo mano, blind dopo blind.

Se dovessi indicare una mano chiave non avrei dubbi.
Livello 19 del day1. Sono un po' short, con 38.000 chip, quando l' average recita 45.000.
Di bottone spillo 7-7 e su un rilancio del cutoff, spingo la vasca. Istant all-in dello small blind (più corto di me), e stesso discorso per il big blind che, però, mi supera in chip.
Il cutoff se ne va, il piccolo buio si presenta con 10-10, il grande buio con K-J.
Il flop sembra annientare ogni speranza: A-10-8. Il turn mi rimette in gioco: 9, il River mi beatifica: 6!
Scala, RUNNER, RUNNER, RUNNER!
Altri "c.li", come direbbe qualcuno. Io me la rido e da lì non mi fermo più.

La dedica va a tutti quelli che mi hanno sostenuto per tutta la notte: Pippo, Lapo, Ricca, Duncan, Gallo, Antani, Serena, Davide, Xia, ma soprattutto a colui che mi ha fatto conoscere il gioco e mi ha dato la possibilità di dedicarmi al Texas, ovvero ROBERTO RAMAZIO, attuale presidente della FIGP toscana.
A loro va il mio grazie.

L'ultimo pensiero, infine, ai miei genitori che si trovano in vacanza. Appena ho detto che avevo vinto, hanno rischiato l'infarto.

Good Game ragazzi, I HAD A DREAM...... adesso è realtà!

Matteo Felli alias DIAVOLO1983

scoop-header-it-IT.jpg