javascriptNotEnabled
Home / Video /

Denunciati per auto-dumping due giocatori in Florida

By LongBeachIT -

Durante un torneo live, svoltosi presso il Gulfstream Park Casinò di Hallendale Beach in Florida, Lashone Dobard e  Kelvin McClendon sono stati sorpresi mentre praticavano auto-dumping, cioè la sottrazione di chips da un torneo per utilizzarle successivamente in un altro torneo.

Oltre al ban dai casinò, per i due giocatori è scattata una denuncia all'autorità. Il processo per direttissima ha inflitto a Dobard una condanna a 142 giorni di detenzione, con 112 giorni di pena sospesa con la condizionale, ed a McClendon una pena di due anni con la condizionale.
 
 

Lo scopo dell'auto-dumping di solito è quello di sottrarre chips da un torneo a basso buy-in verso un torneo a buy-in più elevato, il quale è più profittevole laddove si arrivasse in the money.
Uno dei maggiori problemi che incontrano i casinò si ha nel caso dei tornei con re-buy, in questo caso infatti il giocatore può allontanarsi dal proprio tavolo dal gioco per effettuare un acquisto di chips alla cassa. Proprio in tale circostanza potrebbero verificarsi situazioni di re-buy anomale!

Molti casinò per arginare il problema ormai consentono di effettuare re-buy ed add-on esclusivamente al tavolo ed inoltre  utilizzano chips differenti per i diversi tornei.
Per inserire un commento, devi fare il login o registrarti.
Inizia
Sei nuovo? Leggi i nostri contenuti per iniziare la tua formazione di Poker.
Già registrato? Fai il Login qui
javascriptNotEnabled
Apprendi Dalle strategie di base a quelle avanzate
Pratica Migliora le tue conoscenze con i nostri allenatori
Vinci Diventa un giocatore vincente
/INIZIA A GIOCARE ORA/
The League Benvenuto a 'The League', la più grande e appassionante lega di Poker ...
€3,000 in palio ogni mese
Altro
/Guarda/
Rilassatevi e godetevi i video del corso