All'inizio di quest'anno piuttosto che andare all'APPT di Cebu appena prima dell'avvio del torneo, mi sono preso qualche giorno in più per godermi a pieno quest'esperienza. Shangri-La (Mactan) è una delle cornici migliori per un torneo di poker. L'hotel ha una spiaggia privata, due grandi piscine, un campo da golf e tanti bei ristoranti. Farsi fare un massaggio alle Filippine è davvero economico, appena 6 dollari all'ora per il servizio al tavolo da gioco. 

Le Filippine sono anche uno dei migliori luoghi al mondo per le immersioni. Ho sentito parlare di questa località perché degli squali balena sono soliti farvi visita ogni mattina. Gli abitanti li nutrono e gli squali sono divenuti una sorta di attrazione turistica. Ci abbiamo messo tre ore di viaggio per fare del reef diving e per nuotare con gli squali balena. Non sono animali pericolosi, mangiano solo plancton, ma sono enormi, circa cinque, sei metri. Abbiamo nuotato al loro fianco per un'oretta. Il sole ci ha lasciato qualche scottatura, ma ne è valsa la pena.

 

huang_chute2.jpg

 

La mia tappa successiva è stata l'APPT Queenstown, un'isola nel sud della Nuova Zelanda. Mia moglie ha insistito molto perché ci andassimo, si tratta di una località apprezzata da molti giocatori di poker della regione. È un luogo di montagna molto bello, bagnato dalle rive di un lago. C'erano tantissime attività da svolgere, dallo sci al para-gliding passando per il frisbee golfing, mentre la sera la trascorrevamo tra ottime cene e drink rischiarati dalla luce del camino. La parte più interessante del soggiorno, dal mio punto di vista, è stata il para-gliding. Lanciarmi dalla scogliera mi ha regalato un'emozione indescrivibile. 

Ho trovato molto motivante essere all'APPT Queenstown e vedere Jono Bredin, afflitto da paralisi celebrale, che nonostante tutto è riuscito a partecipare. Si tratta della dimostrazione che il poker è uno sport aperto a tutti, senza limiti di genere, età o difficoltà fisiche. Chiunque può farsi valere in questo gioco straordinario.

Ritengo sia molto importante, soprattutto quando vinci online l'accesso a un torneo e attraversi mezzo mondo per prendervi parte, avere del tempo per uscire dal casinò e divertirsi, piuttosto che restare sempre immersi nel mondo del poker. Ciò che amo dei tornei live è proprio l'opportunità di esplorare nuovi paesi e culture. Anche se le cose dovessero mettersi male al tavolo verde, posso sempre tornare a casa avendo arricchito il bagaglio delle mie esperienze.

Il mio prossimo impegno è l'Asia Championship of Poker che si terrà nella poker room PokerStars di Macao, in questo caso sarà molto più difficile nuotare al fianco degli squali, visto che me li ritroverò al tavolo da gioco! Spero di vedervi lì o in qualche altro appuntamento, godendo le tante opportunità che Macao sa offrire!

Bryan Huang è un membro del Team PokerStars Pro